Plebiscito.eu: mandato per trattare con lo Stato e l’Ue

riceviamo e pubblichiamoplebiscito2

A Montegrotto Terme Gianluca Busato incassa la fiducia unanime dei delegati. Al via la trattativa per l’immediata indipendenza del Veneto tra Delegazione dei Dieci, stato italiano e istituzioni politiche e finanziarie europee e internazionali.
Si è infatti  celebrato il secondo Congresso di Plebiscito.eu, l’organizzazione civica che assieme a molti Comuni veneti ha indetto il referendum di indipendenza del Veneto del 16-21 marzo 2014 che, con un’affluenza di oltre il 63%, ha visto l’89,10% di cittadini veneti votare a favore dell’indipendenza della Repubblica Veneta.plebiscito
Mentre la Commissione degli Osservatori Internazionali ha anticipato la conclusione dei propri lavori, con la relazione finale sul referendum di marzo che sarà resa di pubblico dominio entro pochi giorni, il Congresso di Plebiscito.eu, che in conclusione ha visto anche l’intervento di saluto di Franco Rocchetta, ha approvato con il voto unanime degli oltre 300 delegati accreditati la linea presentata dal Presidente Gianluca Busato che ha anticipato un progetto strategico con una forte spinta propulsiva organizzativa e finanziaria e che ha dato il via alla soluzione politica per l’immediata indipendenza del Veneto, attraverso una trattativa diretta tra la Delegazione dei Dieci, lo stato italiano e le istituzioni politiche e finanziarie europee e internazionali: in virtù di tale trattativa, da condursi in sede neutra, il Veneto accetterebbe di accollarsi una quota del debito pubblico italiano proporzionale alla propria popolazione, in cambio della propria indipendenza totale ed immediata.
Gianluca Busato ha dichiarato: “la nostra indipendenza conviene a tutti: veneti, italiani ed europei. Si tratta di una trattativa win-win, dove tutti vincono e che rappresenta l’unica possibilità concreta di salvare l’eurozona dai rischi connessi all’inevitabile default italiano, causato dall’insostenibilità del debito pubblico.”
“Noi non rinunciamo a perseguire la speranza di avere un futuro nella nostra terra: i cittadini veneti organizzati in Plebiscito.eu reagiscono al furto continuato e con scasso ad opera di chi ha tentato di distruggere i nostri sogni, in primis dal partito italiano più vecchio che siede nel parlamento di Roma, quella lega nord che oggi goffamente cerca di annacquare la volontà di indipendenza del Veneto, confondendola con l’autonomia al fine di continuare a godere parassitariamente dei privilegi garantiti dal sistema politico italiano. Oggi a Montegrotto Terme i cittadini veneti hanno deciso di dare il via al percorso accelerato per l’indipendenza del Veneto”.

Print Friendly, PDF & Email
Articolo precedente

Papa Giovanni, un bergamasco indipendentista: "indipendenza è un diritto. Senza giustizia, lo Stato è ladro"

Articolo successivo

Sul concorso indaga la Procura. Per Rai e provveditore De Sanctis è un successo