Plebiscito digitale Veneto: per gli organizzatori superato il quorum del 50%

RICEVIAMO E PUBBLICHIAMO

Alle ore 22 del 20 marzo hanno votato il referendum di indipendenza del Veneto 1.878.071 veneti, pari al 50,30% degli aventi diritto al voto. La maggioranza assoluta dei veneti si è quindi già pronunciata rispondendo al quesito “Vuoi che il Veneto diventi una Repubblica Federale indipendente e sovrana?”. “C’è una sola cosa da dire – ha commentato Gianluca Busato – giunti a questo punto, domani tutti i veneti siano presenti a Treviso: dobbiamo fare la storia, tutti assieme, per il nostro Veneto.” In tutto il Veneto l’entusiasmo è già alle stelle, in attesa della giornata straordinaria del 21 marzo 1014.

IL VOTO ALLE ORE 18 

Alle ore 18 del 20 marzo, penultimo giorno di votazione del Referendum di indipendenza del Veneto, i votanti registrati sono 1.729.933, corrispondenti al 46,34% del corpo elettorale. La tendenza che sta dimostrando l’affluenza al voto apre ora la concreta possibilità che domani, alla chiusura dei seggi alle ore 18, possa essere raggiunta la maggioranza assoluta dei votanti.

L’adesione popolare di massa al voto nel Referendum di indipendenza sta polverizzando il sistema della partitocrazia italiana facendo emergere uno scenario nuovo che sta alimentando una grande speranza in tutto il Veneto.

“Chi dice che questo referendum è uno stimolo a farne di altri manca di rispetto ai cittadini che stanno facendo la coda ai seggi con il proprio documento di identità. Dimostra di avere scarsa considerazione dell’espressione della sovranità popolare che dimostra un Popolo che sta dimostrando al mondo di alzarsi in piedi e di saper fare anche uno sforzo di apprendimento nell’utilizzo di nuove tecnologie. Ci sono anziani che non hanno mai usato un computer, ma che grazie alla ferma volontà di esprimere il proprio voto e la propria decisione sul proprio destino hanno voluto superare anche tale ostacolo.”

“Domani sarà una giornata straordinaria e a Treviso si vivrà l’atmosfera della storia. Uomini coraggiosi, capaci, determinati hanno saputo ridare fiducia al Veneto che si sta rialzando in piedi al cospetto delle Nazioni del mondo. Se vinceranno i sì, la Repubblica Veneta rivedrà la luce, com’è giusto che sia.”

In merito ad alcuni tentativi di disinformazione da parte dei media italiani sulle metologie di voto, si ricorda ancora una volta che la piattaforma digitale implementata è dotata di procedure di verifica e controllo dei dati in grado di scomputare dal conteggio i voti non corrispondenti ad anagrafiche elettorali del Veneto. Vi sono altre funzionalità evolute che conferiscono al sistema di tipo “esperto” le caratteristiche di autoapprendimento che ne permettono la “fortificazione” grazie alla individuazione dei tentativi di abuso.

Per quanto riguarda alcune illazioni di stampa circa l’affluenza al voto vale qui solo la pena ricordare quanto spiegato da Kahneman, ovvero che l’intuito statistico è dote rarissima negli uomini come taluni risibili constatazioni lette dimostrano con grande evidenza, confondendo alcune casistiche con un campione rappresentativo. Le code per votare nelle centinaia di seggi predisposti nel territorio dimostrano in realtà una  affluenza straordinaria e continuativa. Dopo la proclamazione dei voti, nei giorni immediatamente a seguire, sarà resa pubblica inoltre la verbalizzazione e certificazione dei risultati ad opera degli osservatori internazionali che stanno svolgendo il monitoraggio delle operazioni di voto.

La rivoluzione digitale in corso ha in ogni caso permesso di conferire al referendum di indipendenza del Veneto di godere dell’attenzione di molti organi di informazione tecnici di rilievo internazionale che hanno constatato il grado assoluto di innovazione tecnologica, che sta dando lustro al Veneto nel mondo.

Le prossime ore saranno in ogni caso determinanti per la finalizzazione del risultato, con un’attività straordinaria da parte dei volontari che stanno dando dimostrazione della volontà dei veneti di aprire un nuovo capitolo virtuoso della propria storia.

Ufficio Stampa
Plebiscito.eu

Print Friendly, PDF & Email
Articolo precedente

Pompei, l’archeologia politica del Nord e del Sud

Articolo successivo

Borghezio: Cota candidato alle Europee? Vada a fare danni con il Pd