Plebiscito digitale veneto, i risultati verranno comunicati il 21 marzo

RICEVIAMO E PUBBLICHIAMO

A soli 4 giorni dall’inizio del Referendum di indipendenza del Veneto che si terrà dal 16 al 21 marzo prossimi, è chiaro a tutti che sta per cambiare in modo definitivo lo scenario politico della nostra stupenda Terra Veneta. Il Veneto non accetta di essere massacrato passivamente dallo stato italiano e si alza in piedi con forza e determinazione con tutto il proprio Popolo per scegliere il proprio destino.

“Vuoi che il Veneto diventi una Repubblica Federale indipendente e sovrana? SI o NO?” è il quesito cui tutti i cittadini del Veneto sono stati chiamati a rispondere attraverso la rete telematica, collegandosi al sito internet www.plebiscito.eu e dal telefono chiamando il numero 0423 40 20 16.

Il passaparola dal basso ha saputo coprire il silenzio mediatico di regime imposto dallo stato italiano. Per dare il giusto risalto mediatico, ora dobbiamo fare un salto di qualità e dare dimostrazione anche visiva della nostra volontà di indipendenza. Per tale ragione, la proclamazione dei risultati avverrà all’interno di una grande manifestazione popolare che sarà celebrata il prossimo venerdì 21 marzo alle ore 19 in Piazza dei Signori a Treviso. Sarà importante che tutti, ma proprio tutti i volontari e le persone che vogliono l’indipendenza del Veneto siano presenti per verificare l’andamento del referendum e – speriamo tutti – per festeggiare un risultato che tutti ci auguriamo sia storico e tale da aprire la scatola dei desideri della nuova Repubblica Veneta.

Dopo 4 settimane e più di duro lavoro, teniamoci fin d’ora tutti liberi per venerdì 21 marzo prossimo e da Treviso dimostriamo al mondo intero la voglia di indipendenza dei veneti. L’ora X del nostro destino sta per scattare, cerchiamo di essere puntuali all’appuntamento con la storia.

Ufficio Stampa Venetosi.org

Print Friendly, PDF & Email
Articolo precedente

Scandalo sanità: ex assessore leghista scopre in aula di essere indagato

Articolo successivo

Trieste come Gerusalemme, attesa la sentenza sul memorandum di Londra