Pirellone: c’è chi s’è fatto rimborsare persino il pane. A fuoco!!!

di TONTOLO

Povero Trota, non lo lasciano in pace nemmeno ora  che si è dato all’agricoltura. Dalla nuova inchiesta che sta definitivamente travolgendo un Pirellone sputannato come non  mai, emerge che tra le spese che Renzo Bossi, indagato per peculato dalla Procura di Milano, avrebbe effettuato coi soldi del gruppo consiliare lombardo della Lega Nord ci sono anche numerosi acquisti di videogiochi, sigarette e bibite, in particolare la Red Bull. E vabbé, ci eravamo abituati a capire che il giovin virgulto della famiglia di Gemonio non fosse propriamente un politico con specchiato senso di responsabilità, ma almeno lui ha fatto i bagagli e si è ritirato in campagna.

Ma fra quelli che continuano a prendere lo stipendio fino al giorno delle prossime elezioni (senza dimenticare il trattamento di fine rapporto, annessi e connessi) ve n’è uno, da quanto si e saputo,  che avrebbe comprato coi rimborsi regionali anche il pane. Capite: un consigliere regionale lombardo con uno stipendio da 10 mila euro netti al mese si faceva pagare pure la pagnotta, quando in giro c’è sempre più gente che muore letteralmente di fame. Diamo fuoco al Pirellone e non se ne parli più!

Print Friendly, PDF & Email

9 Comments

  1. Ve lo immaginate se il trota avesse avuto tra i rimborsi il viagra quale giustificazione avrebbe dovuto dare ?

    Che era per nutrire il pesce !

  2. non kapisko xkè anke kuà si kaski nel trukko levantino in atto (attraverso inkieste pretestuose e sceneggiate delle prefetture, kuesturini, GdF, karabbbiberi e magggistratura di stanza in Padania) di dimostrare ke i cisalpini siamo kome i terroni in kuanto a korruzione, ben sapendo ke un pekkato veniale non è mortale e ke alkuni imbroglioni non sono la regola, kome lo è dalle loro parti, in italia, kuà autorità espropriatrici di diritti autoktoni in perfetta rappresentazione d’amministrazione koloniale di foresti, estranei, ke ci komandano e dileggiano pure …

    fuori dall’amministrazione pubblika, in Padania, i kolonialisti levantini ke ci manipolano, sottomettono e diskriminano pure …

    DENUNCIARE i FATTI SI’,farsi strumentalizzare kome babbei NO ! …

  3. E’ UNO SCHIFO SIAMO TROPPO COGLIONONI DALLA MEMORIA CORTA RICORDIAMOCI ALLE PROSSIME ELEZIONI REGIONALI COME DOBBIAMO COMPORTARCI…….. RIVOLUZIONE
    SALUTI DA ROBERTO

  4. In vent’anni hanno dimostrato di essere solo dei barboncelli senza dignità !
    Non hanno vergogna né timori perché sanno di avere militanti decerebrati ed elettori subumani: ancora tanti !

    Un esercito di furbastri ex morti di fame che s’ingozza alla faccia della gente buona e pirla!

    Riprendiamoci il nostro Nord !
    Padroni a casa nostra !
    Fuori i leghisti dalla nostra terra !

    • L’incazzatura è giusta, io ho commentato amaramente in un’altra discussione, ma con con le tue esagerazioni / provocazioni non sei credibile, risulti solo ridicolo e (probabilmente) in malafede.

      I tuoi insulti, poi, ti qualificano immediatamente come un poveretto.

  5. DEvi andare a processo? Fatti una ospitata a Territori di Rai Parlamento su Rai 2 e parla liberamente di farfalle, lucciole e lanterne! Sul resto, silenzio!

Rispondi a Ferruccio Annulla risposta

Your email address will not be published.

Articolo precedente

Lombardia: fra gli indagati la Minetti e Renzo Bossi

Articolo successivo

Frana la Valle Camonica, ma il prefetto se ne frega altamente