Pipitone (Idv): l’indipendenza farà fallire economicamente il Veneto

di REDAZIONE

«Se Zaia vuol far fallire le famiglie e l’economia del Veneto, questo è il passaggio giusto». Così il capogruppo regionale di Italia dei Valori Antonino Pipitone dopo le prese di posizione del presidente della Regione sull’ipotesi di un referendum per l’indipendenza del Veneto, progetto verso cui il Gruppo IdV ribadisce la propria netta contrarietà.

«Appoggiando l’indipendenza – sintetizza Pipitone – il presidente Zaia dimostra di non considerarsi il presidente di tutti i veneti, come invece dovrebbe essere. Ci dica se alle prossime elezioni si candiderà alla presidenza di unnuovo stato veneto, o di una regione della Repubblica italiana».

«La soluzione – attacca il politico IdV – non è nel cavalcare questo progetto irrealizzabile, perché illegittimo e incostituzionale, che prende in giro i cittadini (sia i contrari che i pochi favorevoli) ma puntare ad avere un Veneto dotato di maggiori poteri di autonomia. Se chiedete agli imprenditori ed alle categorie economiche, vi risponderanno che uno stato veneto indipendente, microbico guscio di noce nell’oceano della globalizzazione, significherebbe la fine per l’economia del nostro territorio. Apriamo gli occhi: qualcuno usa l’indipendenza come cavia strumentale, a puro scopo elettorale».

TRATTO DA: http://www.gruppoidvregioneveneto.it

Print Friendly, PDF & Email

30 Comments

  1. La resa dei conti per questi politici nazionalisti arriverà. I veneti trionferanno e butteranno fuori queste persone schifose senza ritegno. Da tirolese trentino veneti non vi fermate andate avanti verso la vostra battaglia di libertà.

  2. Non arrabbiatevi forse e proprio lui che non comprende non arriva a capire che diventeremo come la svizzera ! O forse dice questo xche ha una bassa considerazione di noi veneti e cerca in tutti i modi anche negando l’evidenza !! Potrebbe anche voler ci far credere che noi siamo i mantenuti dell ‘Italia ! Subito INDIPENDENZA !!

  3. A Zurigo un cameriere, giovane, può prendere 20€ l’ora: il doppio di un giovane ingegnere italiano a tempo indeterminato. In compenso, in Svizzera Pipitone sarebbe stato espulso…

  4. Ma da che pulpito vengono queste critiche?Si vede che il giorno della resa dei conti comincia a fare paura.Tranquillo che dopo l `indipendenza del Veneto,avrai finito di fare la vita di michelazzo.,magiare bene e andare a spasso.

  5. tranquilli, non sarà un Pipitone qualsiasi a fermarci, non consideratelo neppure!

    Certo che pensavo fossero solo i lombardi ad essersi rincoglioniti e a votare per La russa e De Corato, ma anche i veneti che votano Pipitone non scherzano e ha preso 2.133 preferenze a Padova.

    Laùr de macc!

  6. Il Veneto ha una struttura e cultura industriale di eccelso livello….il prodotto lordo pro-capite ( E NON NAZIONALE guarda la Svizzera! non occorre essere una Cina..basta la qualita’!) schizzerebbe in alto come una scheggia con le nuove regole di amminitrazione pubblica che si introdurrebbero a sostegno del libero mercato. Pipitone…ti me fa pena! torna in terronia…cossa ti sta a far qua!!

  7. Infatti la Svizzera che è piccola non ce la fa a sopravvivere.
    Ma chi l’ha importato sto coso dell’IDV. (Ma c’è ancora l’IDV ?)

  8. Ma come c… si fa a votare in veneto gente non veneta?? E che poi spara contro il veneto stesso anche!! Ma che gente demente esiste in veneto?? Parla di economia veneta un immigrato!! Non ho parole…e poi mi vengono a parlare di integrazione…neanche gli italo-africani qua magari da una vita e pure eletti non si sentono ancora del veneto!

  9. Dixeme valtri se en Canpania o en Seçilia a ghè coalke veneto en consejo rejonal magari co nomi tipo: Giareta Marco o Baù Caterina o Sterkele Joani o Vixentin Franco o Padovan Antonio o Thiela o Xike.

    A naltri a ne toca el Pipitone etno-rasista sensa creansa.

Lascia un commento

Your email address will not be published.

Articolo precedente

Vogliono attirare aziende in Italia e le nostre scappano a gambe levate

Articolo successivo

Istat, ordini e fatturato delle industrie ancora giù