Piemonte Stato, gazebo in difesa delle Province

RICEVIAMO E PUBBLICHIAMO

Noi di Piemonte Stato siamo contrari a questo provvedimento per più ragioni. Crediamo, infatti, che questo sia solo il primo passo per accentrare sempre di più i poteri verso una futura soppressione delle Regioni e questo, si badi, a furor di popolo!

In realtà il male per il Piemonte è rappresentato prima di tutto dalla sua subalternità a Roma, e poi non dalle Province o dalla Regione ma da chi le occupa; perchè, attenzione, questi enti attualmente non svolgono la funzione per la quale dovrebbero esistere (e cioè sostituirsi nei vari compiti sempre più decentrati dallo Stato).

Infatti i vari Presidenti e le loro Giunte più che rappresentare e fare valere i diritti e le ragioni dei propri cittadini sembrano piazzati lì solo per far eseguire quanto deciso da Roma della quale sono i “degni vassalli”.

Il progetto di Piemonte Stato prevede, in un Piemonte indipendente, la creazione di cantoni autonomi sul modello Svizzero che NON corrisponderebbero alle attuali Province, ma che verrebbero ridisegnati secondo le reali peculiarità e caratteristiche ambientali-culturali dei territori stessi. Per queste ragioni, a Saluzzo il 12 aprile prossimo saremo presenti con un gazebo a partire dalle ore 14, in via Italia.

Print Friendly, PDF & Email

3 Comments

  1. UNIONE CISALPINA ma usare meno “k”. Comunque l’Italia è unica ed indivisibile. Posso comprendere la richiesta di modifica dello stato ma mai la sua divisiobe.

  2. bene … ma bisogna sostituire anke il nome delle aggregazioni komunali lokali, da Province in Distretti (non Kantoni) e kuello di Regione (del Piemonte, ma anke tutte le altre) in Stato … eventualmrente konfederato… speriamo di Padania e/o Konfederazione Cisalpina e non d’itaglia, stato konfessionale romanista di stampo centralista (… kuello defunto, ma rinvigorito dai patti lateranensi mussoliniani del 929, della Kiesa Una e Trina) giakobino e komunista pure …

Lascia un commento

Your email address will not be published.

Articolo precedente

Fmi, Italia maglia nera fra i paesi emergenti

Default thumbnail
Articolo successivo

Terra Insubre, da 18 anni una palestra di libertà