Persino Anci solleva questione mancati trasferimenti ai Comuni lombardi da Roma. Ma Morelli (Lega): Questo governo non ha lasciato indietro Milano

“ANCI Lombardia condivide l’allarme e la richiesta di urgenti risposte da parte del governo riguardo alla tenuta dei bilanci comunali, formulati ieri dal sindaco di Milano, Giuseppe Sala. Una grave preoccupazione e una richiesta di interventi che avevamo già manifestato in diverse occasioni, in particolar modo nel corso dell’incontro che abbiamo organizzato lo scorso 21 marzo con i parlamentari eletti in Lombardia e gli esponenti lombardi del governo”. Lo afferma il presidente di ANCI Lombardia, Mauro Guerra, sulle parole del sindaco di Milano sulle difficoltà di tenuta del bilancio di parte corrente. “In quella occasione abbiamo sottolineato e ribadiamo che i Comuni stanno affrontando diverse emergenze. Tra queste la tenuta della parte corrente dei bilanci, legata all’incremento dei costi dell’energia, al secco ridimensionamento dei ristori su minori entrate e alle maggiori spese legate ancora agli effetti della pandemia”, continua.

“A ciò si aggiungono la gestione dell’accoglienza dei profughi in arrivo dall’Ucraina, per la quale ancora non sono state stanziate risorse per i Comuni, e l’avvio dell’ingente mole di opere e investimenti previsti dal Pnrr e da altri bandi, in una situazione nella quale l’incremento dei costi delle materie prime incide pesantemente anche sugli appalti, in corso e da avviare, con situazioni di blocco di cantieri, forti revisioni progettuali, gare deserte, aggiudicazioni rifiutate”. Per questo, continua Guerra, “reiteriamo con forza la richiesta di un intervento urgente del governo, con provvedimenti congrui e immediati, a evitare un pericoloso impatto per la tenuta dei servizi locali”. Il presidente di ANCI Lombardia sottolinea che “senza un intervento normativo molti bilanci di Comuni di ogni dimensione rischiano di andare in squilibrio. E’ essenziale che, attraverso un intervento urgente, si rinsaldi il rapporto tra Comuni e governo, che ha reso possibile affrontare efficacemente la pandemia e che è indispensabile di fronte alle emergenze che siamo ancora chiamati ad affrontare”.

Va registrato, nel silenzio della Lega, la replica del viceministro salviniano Morelli:   “Tutto si può dire di questo governo fuorché che abbia lasciato indietro Milano, a cui- solo per citare alcuni dei dossier di cui mi sono occupato di recente- sono stati assegnati 732 milioni di euro per il potenziamento del trasporto rapido di massa e più di 100 per progetti di riqualificazione dell’edilizia residenziale sociale”. Morelli invita Sala a “non perdere 1,2 miliardi di investimenti” sul nuovo stadio e conclude tagliente, promettendo di attivarsi “con la massima solerzia per contribuire a salvare il bilancio della città, chiedendo ai Ministri Orlando, Franceschini, Guerini ed ai numerosi esponenti del partito di Sala al governo di fare altrettanto”.

 

Print Friendly, PDF & Email
Articolo precedente

Gestione Covid, Ats Insubria contro La Provincia di Como. La replica: "Nuovo concetto libertà di stampa"

Articolo successivo

Covid, non è finita. Inizia giro per 4° dose per over 80 e in autunno nuovo vaccino in vista