/

Perché dico viva il contante! La banca si prende la percentuale sui tuoi acquisti col bancomat. Prelievo obbligatorio per legge

pagobancomat_logodi BENEDETTA BAIOCCHI – C’è non solo un costo fisso per transazione ma anche una percentuale che il negozio versa alla banca sul totale del nostro acquisto. E’ il perverso e subdolo pizzo che paghiamo agli istituti di credito senza saperlo, quando paghiamo col bancomat un acquisto.

I costi del cosiddetto pos sono stati così individuati. Alla faccia di chi chiama questo liberismo economico.
Costo di installazione: si tratta di un costo una tantum che copre almeno in parte il costo dell’hardware e include il costo di installazione a domicilio dei c.d. gestori terminali, tecnici che assegnano al POS una chiave unica, abbinano il lettore di carte al proprietario, configurano la rete ed effettuano la prima transazione di test.

Canone mensile: è una somma fissa che l’esercente deve pagare mensilmente per il comodato d’uso del POS. Copre gran parte del costo dell’hardware per gli istituti di credito.

Costo fisso per transazione: si tratta tipicamente di pochi centesimi (di solito non più di 10 euro cent) che alcuni istituti bancari fanno pagare per ciascuna transazione effettuata. Questo costo può diventare molto significativo soprattutto su transazioni di piccolo importo: su una transazione da 10 €, 10 centesimi costituiscono l’1% del costo.

Costo percentuale per transazione: si tratta di una commissione percentuale che l’esercente deve pagare sul valore della transazione. Dipende da vari fattori: dal circuito, dalla tipologia di carta (carta business o consumer, carta di credito o debito) ed è in assoluto il capolavoro di mancanza di trasparenza degli istituti bancari.

In Italia, secondo Confesercenti, il costo medio è 0,7% per i bancomat, e 1,5% per le carte di credito. A questi costi si devono aggiungere quelli relativi al canone del lettore, 30 euro medi mensili e il costo di accredito sul conto, che, se giornaliero,ha un costo medio di 1,5 euro. Nel nostro paese, ad una impresa media il POS costa oltre 2.000 euro su base annua.

Print Friendly, PDF & Email
Articolo precedente

Test Invalsi: il Nord eccelle ma il Sud che non sa, vince i concorsi dello Stato

Articolo successivo

Le sette piaghe d'Italia che portano alla bancarotta