/

Pensioni e immigrati. Agi dimostra che Boeri dice il vero. Ma al Nord basta il residuo fiscale

BOERI7

di ROBERTO BERNARDELLI – C’è un’inchiesta che dovrebbe fa riflettere quelli dal consenso facile, o quantomeno, far pensare. L’Agi nei giorni scorsi ha effettuato una pagella politica sulle affermazioni del presidente Inps, Tito Boeri, analizzando le cifre di cui si è in possesso, dall’Istat alla Ragioneria dello Stato. La domanda è: è una panzana o è vero che il sistema previdenziale ha bisogno degli stranieri per stare in piedi? Il ministro degli Interni ha detto che non è vero. E così l’Agenzia è andata a spulciare i dati. Ecco cosa è emerso nella bella inchiesta firmata da Tommaso Canetta

BOERI1

BOERI2

BOERI3

BOERI4

BOERI5

BOERI6

BOERI7

Ma tutto questo conteggio può interessare alle regioni del Nord che sono in saldo contributivo attivo e che hanno per di più un residuo fiscale con cui coprire da qui alle prossime generazioni interi eserciti di pensionati che non devono subire le regole della legge Fornero o le ultime trovate della quota 100 del governo Salvini-Di Maio-Conte?
Avevano detto che voleva abolire la Fornero. Siamo qui che aspettiamo le promesse. Basterebbe il federalismo fiscale, non la luna.Il punto non è cambiare “quel fenomeno di Boeri” come sostiene Salvini, ma dare ai cittadini del Nord quello di cui il governo non parla più, le nostre tasse.

Print Friendly, PDF & Email
Articolo precedente

Lombardia-Calabria, e il ministero del Mezzogiorno. Che cavolo combinano?

Articolo successivo

Siete pronti all'obiezione fiscale? Il grande sondaggio di Siamo Veneto