/

Par condicio violata, l’esposto di Grande Liguria al Corecom sui media politicamente corretti

Riceviamo e pubblichiamo la lettera che l’ufficio legale di Grande Liguria ha inoltrato al Corecom per denunciare la violazione della par condicio nei confronti del candidato alla presidenza Giacomo Chiappori.

 

 

Ill.mo Corecom,
scrivo la presente sia in proprio, in qualità di presentatore munito di mandato autenticato da Notaio della lista Grande Liguria – Chiappori Presidente, sia in qualità di procuratore legale del sig. On. Giacomo Chiappori, candidato alla carica di Presidente della Regione Liguria alle elezioni del 20 e 21 settembre 2020.
La predetta lista è stata ammessa in tutte le circoscrizioni elettorali liguri collegata al candidato Presidente Chiappori.
Con la presente missiva URGENTE si denuncia la grave situazione relativa alla violazione di qualunque regola anche morale in tema di par condicio, violazione realizzata attraverso un oscuramento totale (a parte qualche articolo pubblicato su piccole riviste on line locali) di qualsivoglia notizia attinente alla campagna elettorale della lista in parola e del candidato Chiappori.
A titolo di esempio si allega un articolo di oggi pubblicato su importante quotidiano ligure in cui sono pubblicate e riportate le opinioni di TUTTI i candidati alla carica di Presidente, tranne che Chiappori in relazione al quale si dice, in modo tautologico e insensato, che non si riportano le opinioni di Chiappori in quanto non sarebbe stato possibile contattarlo.
Ora, si tenga presente che il candidato e gli altri candidati della lista hanno un sito internet e sono noti i loro recapiti e indirizzi anche mail.
Si chiede un immediato intervento ad horas che ripristini la par condicio e si chiede che il sottoscritto ne sia notiziato immediatamente alla presente PEC.
Si chiedono forme adeguate di riparazione, anche mediante pubblicazione di rettifica oltre al risarcimento dei danni morali e materiali.
Con osservanza.

Print Friendly, PDF & Email
Articolo precedente

Caso LFM, Manzoni interrogato dai pm a Milano

Articolo successivo

Gli sprechi dello Stato superano l'evasione fiscale