Palù: vaccino sicuro, non causa malattie

“Abbiamo a disposizione un vaccino con elevatissima efficacia e ottimo margine di sicurezza”. Cosi’ il presidente dell’Agenzia Italiana del Farmaco (Aifa) Giorgio Palu’, in una intervista al QN. “Sono stati prodotti e valutati vaccini in soli dieci mesi, un dato senza precedenti – aggiunge – Successivamente, potremo disporre di altri 5 o 6 vaccini che sono ora nella pipeline. Saranno quasi due milioni le persone che verranno vaccinate contro il Covid-19 a gennaio”. Effetti indesiderati? “L’Aifa sara’ presente attivamente nella fase di sorveglianza, per valutare le reazioni avverse, da un punto di osservazione indipendente. La percentuale di efficacia dichiarata da Pfizer-BioNTech e’ al 95%, faccio presente che il 100% in natura non esiste. Grazie ai vaccini la vita media delle persone e’ aumentata di circa un quarto di secolo dagli inizi del ‘900. Per quanto riguarda il Covid-19, ci si attende che sia il vaccino Pfizer che quello di Moderna garantiscano una immunita’ sterilizzante. La durata della protezione non e’ ancora definita, ma dovrebbe essere superiore ai 5-6 mesi”. L’iniezione di queste molecole potrebbe dare infezioni o alterazioni cromosomiche? “Lo escludo. Questo vaccino non utilizza Dna che possa integrarsi nel genoma umano, solo una componente genetica (Rna messaggero). Non sono coinvolti virus interi o vivi, percio’ il vaccino non puo’ causare malattie”. Potremo tornare alle nostre occupazioni grazie alla profilassi? “Una volta vaccinati non sara’ necessario prendere particolari precauzioni, posto che si dovra’ continuare a indossare la mascherina almeno fino alla immunizzazione (7-10 giorni dopo la seconda somministrazione) e in condizioni di rischio particolare quali assembramenti e soggiorno in ambienti poco aerati”.

Print Friendly, PDF & Email

Lascia un commento

Your email address will not be published.

Articolo precedente

VIDEO - Il virologo Palù: troppo allarmismo su variante inglese

Articolo successivo

Rizzi: Lo vogliamo ricordare che la scuola è delle Regioni e non di Roma?