Olimpiadi, il sindaco di Cosenza: fatele qui e chiamatele Giochi della Magna Grecia

partenon grecia

“Le Olimpiadi sono notoriamente un momento di pace, condivisione, storia e opportunità di sviluppo. Nel 2024 si celebreranno i 2.800 anni dalla prima edizione dei giochi a Olimpia, nell’antica Grecia. Se Roma dice no, propongo al Comitato Olimpico e al governo Italiano il coraggio di individuare Sibari, all’epoca la più grande metropoli del Mediterraneo, e di chiamarli Giochi della Magna Grecia”.

E’ quanto propone il sindaco di Cosenza Mario Occhiuto, presidente della Commissione Mezzogiorno di Anci. “L’idea è quella – prosegue Occhiuto – di collegare tutta la Magna Grecia: Sibari e la sua immensa area diventerebbero villaggio olimpico, sede delle competizioni di nuoto, tuffi, pallanuoto, lotta greco-romana, tennis, boxe. L’atletica potrebbe svolgersi in Sicilia.

Canoa, canottaggio, sport di squadra a Napoli, il resto in Puglia e Basilicata. Si tratterebbe della vera rivoluzione per il Sud, con investimenti molto importanti sui trasporti e le infrastrutture, che significherebbero linee ferroviarie veloci fino a Palermo, Catania e Agrigento. Una nuova strada statale 106, quella che va da Taranto a Reggio Calabria, linee regionali rimesse in funzione e almeno ventimila posti letto turistici in più”.

“Significherebbe – sostiene ancora il sindaco di Cosenza – mettere in rete i porti di Taranto e Gioia Tauro con Napoli e cio’ aiuterebbe a riportare la rotta merci mondiale nel Mediterraneo italiano. L’indotto comporterebbe la realizzazione del ponte sullo Stretto con un ‘project financing’ potenzialmente a costo zero. Le credenziali storiche di questa operazione sono insuperabili, con tutto il rispetto per le concorrenti, perché le Olimpiadi sono nate da noi e qui si trovano le loro tracce della storia. Occorre crederci subito, avendo a disposizione tredici mesi prima dell’assegnazione, di decidere immediatamente, di impegnare il premier Matteo Renzi in un’azione che legittimerebbe il Meridione a uscire dal torpore e darebbe un nuovo spunto di crescita all’Italia e a tutta l’Europa, sulla scorta di quanto accaduto in Catalogna il 1992. Decidiamo immediatamente, con un progetto comune e ingaggiando come testimonial Parmenide, Pitagora, Empedocle, Archimede. I 2.800 anni dalla prima edizione, cosi’ facendo, verrebbero celebrati nella culla della cultura classica mondiale”.

Print Friendly, PDF & Email

2 Comments

  1. Che differenza…
    Se noi parliamo di SERENISSIMA REPUBBLICA VENETA, magari del plebiscito, APRITI CIELO.
    Loro parlano di magna grecia, tempi molto indietro… che bravi.

Lascia un commento

Your email address will not be published.

Articolo precedente

C'è la ripresa: metalmeccanici, 10mila posti di lavoro a rischio

Articolo successivo

La dittatura... liquida che manda in tenda gli sfollati