Oggi le comiche: G20, Italia copresidente gruppo anticorruzione

di TONTOLO

Oggi vanno in onda le comiche a livello mondiale. Leggete questa:

«Questa mattina, nel corso di una riunione tenutasi a Mosca, i Paesi del G20 hanno affidato all’Italia la copresidenza – insieme all’Australia, presidente di turno – del gruppo di lavoro anticorruzione organizzato in vista del summit di Brisbane del novembre 2014. Si tratta di un riconoscimento dell’attenzione del Governo italiano sul tema e del nuovo ruolo del nostro Paese nel sistema di governance mondiale». È quanto si legge in una nota di palazzo Chigi.

Ogni commento è superfluo…

Print Friendly, PDF & Email

11 Comments

  1. L’Italia non è un paese corrotto.
    E’ l’unica democrazia repubblicana al mondo dove un ministro degli interni si fa foraggiare mensilmente dal Sisde e, scoperto dopo la sua elezione a presidente, semplicemente afferma “non ci sto” e tutti buoni e zitti perché se lo avessero obbligato a motivare i suoi prelievi regolari, lui avrebbe rivelato le porcherie altrui delle quali nella sua lunga permanenza in parlamento era venuto a conoscenza.
    Al riguardo, qualcuno ha capito perché Squinzi ha chiesto scusa per aver definito porcata la manovra del governo che non ha attuato il volere dei Cittadini di non usare i soldi pubblici per finanziare i partiti?
    Il pesce puzza dalla testa.

  2. Talvolta la polizia o i servizi prendono degli Hacker e li convincono con le buone o le cattive a collaborare per combattere altri hacker: chi meglio di una persona con esperienza?
    Non c’è umorismo, chi meglio di un italiano, in qualità di esperto sul campo, per combattere la corruzione?
    L’italia vanta i maggiori esperti internazionali in materia di corruzione…..

  3. Mi sa tanto che gli altri vogliono imparare dai nostri come rubare e vari intrallazzi vari senza finire in galera, come succede da noi e in nessuna altra parte del mondo. E’ tanto semplice da capire.

Lascia un commento

Your email address will not be published.

Articolo precedente

I costituenti del soggiorno obbligato

Articolo successivo

Turchia, Erdogan sdogana la lingua armena