/

Occhio a cantare presto vittoria. A Berlusconi con quale Matteo conviene stare?

di ROBERTO BERNARDELLIborghezio

Sono in tanti a chiedersi: e adesso, che farà Berlusconi, Forza Italia resterà lì imbambolata  a prenderle  dalla Lega che, pur perdendo 55mila voti, sorpassa il Cav che di voti ne ha persi 400mila!?

Il vero nodo o snodo, se si preferisce, sta nel futuro politico del centrodestra, che oggi non esiste più e che è per dna diverso da Salvini e Borghezio. Come lo era da Bossi, ma erano altri tempi e Bossi era anche un altro  segretario in un’altra stagione storica. Nulla si può più ripetere.

Paradossalmente, oggi, la vittoria della Lega è persino prematura. Forse il 20% che la vede lievitare di tre volte su se stessa, è persino un rischio, un avventurarsi su strade insidiose perché in politica basta poco per salire  e per cadere. L’arrembaggio ha un suo costo, la spregiudicatezza paga ma non è da sottovalutare la reazione di Berlusconi, ammesso che sia continuativamente lucido politicamente, e del suo gruppo dirigente. Paradossalmente, la battaglia per l’ingaggio alla leadership nel centrodestra doveva o poteva partire dopo, le partenze a razzo nel sistema del potere, non garantiscono una uguale tenuta per altrettanto lungo tempo. Vanno consolidate ma a patto vi sia una realtà dietro al partito che avanza, e non solo consensi.

E poi ci sono le alleanze parlamentari, non ci sono solo quelle legate ad un patto per il centrodestra. C’è la riforma elettorale, c’è il capo dello Stato da eleggere, e non prima di Expo. Quindi il voto anticipato allunga il passo. Così pare. A questo punto, per Forza Italia e i suoi rottamatori interni, c’è tutto il tempo per riprendere il filo del discorso e per Berlusconi e i suoi, il tempo per dialogare con Renzi e pensare ad alleanze nuove. A meno che si possa pensare che sulla scorta del successo in Emilia, a parlare di riforma elettorale possano sedersi con Renzi, Borghezio e Casa Pound. In politica tutto è possibile.

Presidente Indipendenza Lombarda

 

Print Friendly, PDF & Email

2 Comments

  1. ma se Bernardelli sa tutto lui, perché da quando ha lasciato la Lega Nord non è riuscito a farsi rieleggere nemmeno in un’assemblea di condominio?!?

    • Bernardelli, a differenza dei politici trombati che si fanno riciclare nei consigli di amministrazione degli enti, vive del suo, da sempre, come imprenditore. Gli altri, invece?

Lascia un commento

Your email address will not be published.

Articolo precedente

Canone in bolletta, non c'è più fretta... Il Sud deve pagare 41 milioni in più

Articolo successivo

Inchiesta 'Ndrangheta: polizia svizzera cerca interpreti di calabrese, 75 franchi l'ora