Nuovo tonfo per Biden. Usa, giudici sentenziano: respingere arrivi in Messico

La Corte Suprema degli Stati Uniti ha confermato la sentenza di una corte inferiore che ordina all’amministrazione del presidente Joe Biden il ripristino di una politica “Remain in Mexico”, varata dal suo predecessore Donald Trump. Tale politica, abolita da Biden il giorno stesso del suo insediamento alla Casa Bianca, prevede che i richiedenti asilo che raggiungono il confine meridionale degli Stati Uniti dal Messico attendano in quel Paese l’esito delle loro domande di asilo. La Corte Suprema ha stabilito che il blocco di tale politica da parte dell’amministrazione Biden ha costituito una violazione della legge federale. Non e’ chiaro quante persone saranno interessate dalla sentenza, ne’ le tempistiche: la sentenza confermata dalla Corte Suprema si limita infatti ad ordinare uno “sforzo in buona fede” per il ripristino del programma, formalmente denominato “Protocolli di protezione dei migranti”. La sentenza, inizialmente emessa da un giudice nel Texas, era gia’ stata confermata dalla Corte d’appello federale del Quinto circuito Usa. (Nys) NNNN

Print Friendly, PDF & Email
Articolo precedente

Settembre nero, Lega deve fare i conti con sfiducia a Durigon. Dimissioni in vista?

Articolo successivo

Il futuro non ruota attorno ad un dj da Papeete