Non versa Iva per 320mila euro: assolto per “circostanze eccezionali”

di CLAUDIO PREVOSTI

La «crisi» economica del settore assieme ad altre «circostanze eccezionali, non prevedibili» hanno portato il Tribunale di Milano ad assolvere con formula piena Daniele Fiorentini, ex amministratore delegato di Sil, la Società Italiana Liquori ora in stato di liquidazione, accusato di aver omesso di versare oltre 320.458 euro di Iva per il 2008. Lo ha deciso lo scorso 17 febbraio il giudice monocratico della prima sezione penale che ha scagionato l’ex ad della società che produce, importa e distribuisce in Italia liquori e nota per il Vov, ritenendo che «il fatto non costituisce reato». Il magistrato, come si legge nelle motivazioni depositate di recente, è partito dalla considerazione che in generale «la crisi di liquidità, di per sè, non può (…) elidere il dolo del reato in esame, perchè, rispetto ad essa, l’imprenditore ha l’obbligo di attivarsi per prevenirne gli effetti e mettersi nelle condizioni di rispettare la scadenza tributaria», accantonando gli importi dovuti. Ma il caso di Sil e di Fiorentini, ad avviso del giudice, è «diverso» in quanto «la gestione dell’accantonamento e del successivo pagamento» è «stata di fatto resa impossibile per il determinarsi di una serie di eventi non prevedibili» dall’ex amministratore delegato, «eccezionali» e «non ascrivibili a sua colpa»: una «situazione di illiquidità», già nel 2007, per una «drastica contrazione delle linee di credito dovute all’erronea segnalazione» da parte della Centrale Rischi di una banca (ha poi inviato una «lettera di scuse») relativa a un presunto inadempimento della società, «in uno con la crisi del settore». Crisi che ha comportato un allungamento dei tempi di pagamento da parte dei clienti: non più 60 o 90 giorni ma «ritardi» fino a 300 giorni. Ad istruire il fascicolo, sulla base di una segnalazione dell’Agenzia delle Entrate, era stato il procuratore aggiunto Francesco Greco, il quale, tra il marzo e l’aprile 2012 aveva chiesto e ottenuto dal gip un decreto penale di condanna di 6.840 euro. Decreto a cui Fiorentini, tramite il suo legale, l’avvocato Paolo Grasso, si era opposto chiedendo il processo che ora si è concluso con l’assoluzione.

Print Friendly, PDF & Email

Lascia un commento

Your email address will not be published.

Default thumbnail
Articolo precedente

Viva San Marco, io oggi sarò a Venezia

Articolo successivo

Rocchetta e Chiavegato: l'Italia occupante deve andarsene dal Veneto