Non contenti, arriva anche il Forum per il Sud

Da più di mezzo secolo fondi, contributi, erogazioni, piani speciali. Ora anche il Pnrr. Ma non basta.  E ogni volta l’annuncio vuole far intendere che questa sarà l’occasione giusta per risanare il Mezzogiorno. Ecco la narrazione….

“Un Forum per rilanciare il Sud. E’ questo lo scopo di “Verso Sud”, l’iniziativa lanciata dalla ministra per il Sud, Mara Carfagna, in programma a Sorrento il 13 e 14 maggio alla presenza di nove ministri italiani, colleghi stranieri, esperti e think tank del settore, con l’obiettivo di individuare una “strategia europea per una nuova stagione geopolitica, economica e socioculturale del Mediterraneo” in cui il Sud non sia più, spiega la Carfagna in una intervista al Corriere della Sera, il “fanalino di coda” dell’Italia, ma una forza trainante per il futuro. E’ necessario, dunque, che tutti i partiti che hanno fatto parte del governo Draghi prendano “un impegno per il futuro a proseguire il percorso intrapreso sul Pnrr, qualunque dovesse essere il prossimo governo”. “E’ ora di finirla con i complessi di inferiorità – sottolinea la ministra -. E’ nel Sud che il Pnrr apre le maggiori occasioni di sviluppo e un incontro a scadenza annuale per confrontarsi su opportunità e progetti è un completamento indispensabile dei classici Forum del Nord. Spero in una folta partecipazione di imprese e investitori settentrionali: potremo stupirli”.

“Abbiamo invitato al Forum rappresentanti di tutti i Paesi rivieraschi, piu’ Arabia Saudita, Giordania, Qatar ed Emirati Arabi, registrando un notevole interesse. I colossali investimenti del Pnrr su porti, logistica, alta velocità – aggiunge – consentono finalmente al Sud di esercitare il suo ‘ruolo naturale’ di ponte infrastrutturale tra l’Europa e l’Africa. Un ruolo di gran valore soprattutto adesso, mentre tutto il Continente cerca di sviluppare partnership alternative per sottrarsi alla dipendenza da Mosca su gas e materie prime”.

 

 

 

Print Friendly, PDF & Email
Articolo precedente

Questore della Camera: Dubbi su missione Russia anti Covid. "Materiale scadente, anomalie? Fare chiarezza"

Articolo successivo

Lasciateci lavorare la nostra terra. Al Nord 200mila ettari non coltivati per regole imposte da Bruxelles e poi non abbiamo il grano...