“Nessuna compensazione salariale. L’Italia ha raccolto denaro dal Sud Tirolo”

Nelle ultime settimane, molte persone in Alto Adige si sono trovate in difficoltà finanziarie senza alcuna colpa a causa della crisi della Coronavirus e attendono con urgenza il pagamento delle indennità salariali. Tuttavia, molte persone non hanno ancora ricevuto un solo centesimo e non sanno più come pagare l’affitto. Oggi giunge un’altra  cattiva notizia: la prosecuzione della cassa integrazione salari statale  non può più essere finanziata perché lo Stato italiano ha semplicemente preso e utilizzato per altri scopi i 20 milioni di euro versati dalla Provincia Autonoma di Bolzano  per questo scopo, destinandoli altrove. I cittadini sudtirolesi si guardano ora attraverso le loro dita. Ancora una volta è chiaro che lo Stato italiano è una pietra d’inciampo per il Sudtirolo. Esso mette in pericolo l’esistenza e il futuro della popolazione sudtirolese.La “Sued-Tiroler Freiheit ” chiede quindi al governo regionale di chiedere al governo italiano la restituzione immediata dei 20 milioni di euro già destinati per la cassa integrazione salari. Roma, ridaci i nostri soldi!

Il comportamento dello Stato italiano, che si limita a strappare i fondi destinati della provincia di Bolzano  per spenderli altrove, è irresponsabile e va a scapito dei lavoratori e delle imprese sudtirolesi. Se la retribuzione non può più essere pagata, ci saranno inevitabilmente licenziamenti e chiusure di impianti.

Il Partito della Sued-Tiroler Freiheit chiede da anni che a Regione  si dissoci dall’INPPS/NISF e costruisca un proprio sistema previdenziale e assistenziale. Finché i pagamenti verranno effettuati attraverso l’INPS, e quindi attraverso lo Stato italiano, la  Provincia Autonoma non ha alcun controllo sui fondi che troppo spesso gocciolano nel “sistema Italia”.

Tutti i settori in cui lo Stato italiano è coinvolto in Sudtirolo funzionano male o non funzionano affatto. Meno Bolzano ha a che fare con lo stato italiano distrutto, meglio è per la Provincia Autonoma  e per i suoi cittadini.

CosigliereRegionale  Sven Knoll,
– Sued-Tiroler Freiheit .

Print Friendly, PDF & Email

Lascia un commento

Your email address will not be published.

Articolo precedente

Rizzi (Grande Nord): Salvini ha bisogno di fosforo per non dimenticare. Forse una vacanza alle Bahamas

Articolo successivo

Il sindaco di Lampedusa: Salvini, ministro degli sbarchi