Tibet libero: in Nepal si dà fuoco il centesimo monaco tibetano

di FRANCO POSSENTI

Si tratta di uno stillicidio, che passa quasi in silenzio sulla stampa italiana, poco interessata a raccontare fatti che abbiano attinenza con l’indipendenza dei popoli nel mondo intero.

Ennesimo tragico episodio di protesta contro il regime cinese in Nepal: un monaco tibetano di una ventina d’anni si e’ cosparso di benzina e si e’ dato fuoco in un ristorante di Kathmandu. E’ il centesimo gesto di protesta dal 2009. Il giovane e’ stato ricoverato in condizioni critiche.

La protesta, che ha lasciato atterriti i numerosi turisti presenti, e’ avvenuta di fronte alla Stupa di Boudhanath, uno dei siti buddisti piu’ venerati al mondo e che si trova proprio nella capitale nepalese. Il tentativo di immolarsi per protestare contro l’occupazione cinese del Tibet, il primo accaduto a Kathmandu, e’ stato confermato dal governo tibetano in esilio a New Delhi.

Il governo tibetano chiede a Pechino di ascoltare le rivendicazioni per frenare l’ondata di immolazioni, mentre il regime accusa il Dalai Lama di fomentare le proteste a fini politici.

Print Friendly, PDF & Email
Articolo precedente

Eurozona: disoccupazione in crescita. E la Bce ribassa le stime sul Pil

Articolo successivo

Monte dei Paschi: fermato Baldassarri. "In fuga con 1 milione di euro"