Nella battaglia contro e pro Tav gli autonomisti tacciono. Sono Tar…

di TONTOLO

Nel sanguinoso dibattito sulla Tav della val di Susa si affrontano in questi giorni  con durezza il parlamentare grillino Marco Scibona (No Tav) e quello del Pd Stefano Esposito (pro Tav). Fra i più grandi supporter dell’inutile e costoso trenino elettrico c’è anche Roberto Cota, uno che è etichettato come leghista. Tutti e tre sono stati eletti in Piemonte ma tutti hanno cognomi che suonano molto “ariosi”, da quelle parti li chiamano “piemunteis dal tac”.  A tuonare nel bene e nel male ci sono solo degli italiani veraci: a subire ci sono solo i poveri piemontesi autoctoni della Valle. Gli autonomisti tacciono. Forse, più che Tav la si dovrebbe chiamare Tar. Non serve spiegare di cosa sia l’abbreviazione.


Print Friendly, PDF & Email
Articolo precedente

Lo Stato non produce nulla, consuma e spreca le risorse

Articolo successivo

Ogni lombardo ha versato 5.800 euro all'Italia: paga e taci, pirla!