Nel Movimento 5 Stelle c’è chi chiede l’indipendenza degli eletti

di REDAZIONE

Nel grande momento di passaggio che sta investendo il MoVimento 5 Stelle, la base degli elettori sembra dividersi: Grillo o non Grillo, questo è il problema. E’ giusto che i neoparlamentari continuino a seguire fedelmente le indicazioni del comico genovese, che li ha fatti arrivare dove sono ora, oppure dovrebbero essere liberi di decidere in autonomia, secondo la loro coscienza? Sono di quest’ultima opinione i ‘Cittadini del MoVimento’, un gruppo composto da elettori del M5S che vogliono difendere l’indipendenza dei loro eletti, appellandosi all’articolo 67 della Costituzione: “Ogni membro del Parlamento rappresenta la Nazione ed esercita le sue funzioni senza vincolo di mandato”.
I membri di questo ‘movimento nel movimento’ ritengono l’indipendenza un valore – così scrivono – “fondamentale per poter operare per i Cittadini e con i Cittadini senza ingerenze esterne, per una vera democrazia dal basso, partecipata e libera. Riteniamo dunque estremamente importante per la democrazia che gli eletti a 5 Stelle rivendichino la propria indipendenza – anche dagli stessi Grillo e Casaleggio, cui va comunque riconosciuto il ruolo di fondatori ed ispiratori del Movimento 5 Stelle”. Un’indipendenza, continuano i Cittadini, “che pare minacciata sia da dichiarazioni esplicite dei vertici che da una rilevante opacità della gestione del MoVimento”.
L’evidente atto di accusa verso il comico e il suo ‘spin doctor’ viene rafforzato e approfondito su due siti Internet: www.deputati5stelle.it e www.senatori5stelle.it. Le pagine sono rivolte tanto agli elettori del MoVimento, quanto agli stessi eletti. Tra le altre cose, si chiede alla Casaleggio Associati Srl di “consegnare formalmente al partito il software sviluppato fino ad oggi per il MoVimento in formato di codice sorgente e le basi dati complete degli iscritti, dei forum e di qualunque altra attività relativa al MoVimento”. Si incoraggiano poi i neoparlamentari a passare al Gruppo Misto, “per esclamare a voce alta che il MoVimento 5 Stelle vuole realizzare il suo programma auto determinandosi, svincolato dalle logiche di ‘potere’ esercitate da Grillo e Casaleggio”.
Quella che i ‘Cittadini del MoVimento’ vorrebbero portare avanti, dunque, sarebbe una lotta per l’autodeterminazione, una conseguenza naturale dell’ideale di democrazia aperta che è alla base del M5S. Sul blog di Grillo, tuttavia, c’è ancora un silenzio assordante.

Fonte: Agenparl

Print Friendly, PDF & Email
Articolo precedente

Svezia, fanatico del "Metal": il medico prescrive pensione d'invalidità

Articolo successivo

Celentano: "Anche per questo Grillo ha vinto"