Nel discorso di fine anno, quali parole userà di più Mattarella? Per Pertini erano fame e giustizia…

di BENEDETTA BAIOCCHIQuirinale - Consultazioni

Non c’è da stupirsi se fino all’elezione del capo dello Stato ci inonderanno di nomi. Ma non sono quelli che interessano a noi in questo momento. L’ultimo studio dossier di Open Polis è prezioso invece per addentrarsi nella personalità dei capi di Stato e nel loro modo di comunicare. Se questo è il link da cui attingere tutte le curiosità tecniche, http://blog.openpolis.it/2015/01/26/tutti-gli-uomini-del-quirinale-nuovo-minidossier-di-openpolis/, noi invece vorremmo soffermarci sulle parole, sul modo di comunicare del Quirinale. Ingessato o umano? Politico o di sostanza? Questo è l’aspetto più cruciale del dossier. In generale e nello specifico, cosa si scopre?

Che, ad esempio, la parola italiani/italiane è una delle più inflazionate. Che i termini in testa sono: politico. Lo Stato viene prima di gioventù e cittadini. Giustizia come termine è uno dei meno usati, assieme a fiducia. quirinale4

Dopo di che…. se andiamo a scorrere le parole più usate dal presidente più amato di tutti i tempi, Sandro Pertini, non si resta delusi: giovani, popolo, fame, giustizia….

Mentre l’ultimo inquilino del Colle, Giorgio Napolitano, aveva un altro tenore: Paese, Parlamento, Stato… nazionale….

Vediamo qui i termini ripresi dal dossier di Open Polis.quirinale6quirinale7quirinale5

Print Friendly, PDF & Email

Lascia un commento

Your email address will not be published.

Articolo precedente

Doppia moneta, si può fare. Ma Borghi Aquilini non ascolta

Articolo successivo

Don Milani, quando la politica aveva etica. Sabato 17 convegno a Verona