‘ndrangheta, operazione dal Sud al Nord. Se la politica si preoccupasse di bonificare casa nostra…

L’operativita’ della cosca di ‘ndrangheta Pisano, conosciuti come “i diavoli” di Rosarno, nel mondo del narcotraffico si estendeva anche al possesso di armi, all’usura, all’estorsione fino ad ingerenze varie negli apparati politico-amministrativi. E’ quanto emerso dall’operazione “Faust” che ha visto disporre la custodia cautelare nei confronti di 49 persone a Rosarno, Polistena, nonche’ nelle province di Messina, Vibo Valentia, Salerno, Matera, Brindisi, Taranto, Alessandria e Pavia. Ordinanze eseguite dai carabinieri del Comando provinciale di Reggio Calabria, al termine delle indagini coordinate dalla Procura della Repubblica, Direzione Distrettuale Antimafia della stessa Citta’ dello Stretto.

Il procuratore Giovanni Bombardieri, nel corso di una videoconferenza, ha spiegato che “l’indagine nasce da dichiarazioni fornite dal collaboratore Lorenzo Bruzzese che indicava nei Pisano, cosca gia’ riconosciuta in via giudiziaria, un’attualita’ operativa ad ampio raggio verificata poi da accertamenti e indagini dei carabinieri”. Particolari ingerenze hanno riguardato le elezioni 2016 del sindaco di Rosarno, Giuseppe Ida’, e del consigliere comunale Domenico Scriva, tuttora in carica. “L’appoggio elettorale fornito dalla cosca Pisano – ha aggiunto Bombardieri – si e’ tradotto sin dall’avvio della campagna elettorale, nella formazione delle liste, nella predisposizione del simbolo e del programma, oltre che tramite il procacciamento di voti finalizzato a ottenere l’elezione di un proprio consigliere e altre utilita’ personali. Circostanze dimostrate dal fatto che il candidato a sindaco, una volta eletto, era determinato ad allontanarsi visto che era diventata troppo ingombrante la presenza della cosca”.

 

Print Friendly, PDF & Email
Articolo precedente

Una mano sa cosa fa l'altra? "Fontana fa ricorso contro criteri concordati in conferenza Stato Regioni"

Articolo successivo

L'Università di Padova e la Cantina Colli Euganei: "Vo' per la ricerca". Il Veneto solidale dà esempio