Napoli: 50mila sentenze definitive mai eseguite. Chi comanda in Tribunale al Sud?

maschionapoli

“Nel Distretto di Napoli restano ineseguite attualmente 50mila sentenze definitive, 30mila delle quali di condanna e 20mila di assoluzione”. Lo ha detto il vicepresidente del Csm Giovanni Legnini incontrando i giornalisti a Napoli dopo un incontro con i responsabili degli uffici giudiziari sulla carenza di personale amministrativo. Dodicimila delle 50mila sentenze definitive non eseguite – hanno precisato fonti del Csm – riguardano persone da arrestare. Ai provvedimenti restrittivi si uniscono – ha sottolineato il procuratore generale di Napoli Luigi Riello – i mancati sequestri di beni.

 

Print Friendly, PDF & Email

2 Comments

  1. Il Garante per l’Infanzia: “In certe zone della Campania l’incesto è la normalità”

    Il Garante dei minori campano lancia l’allarme: “Abbiamo testimonianze dirette e indirette”. Pubblicati i nomi dei quartieri a rischio

    Sergio Rame – Mar, 21/06/2016 – 14:31

    commenta

    “Abbiamo testimonianze dirette e indirette, che ci sono intere zone in quartieri molto critici in cui l’abuso sessuale, l’incesto, è elevato a normalità”. A lanciare l’allarme, subito rilanciato dall’Huffington Post, è stato il Garante dell’Infanzia e dell’Adolescenza della Regione Campania, Cesare Romano, che oggi ha presentato una ricerca choc che getta un’ombra su tutta la Campania. Si stimano, infatti, oltre 200 casi di maltrattamenti e violenza “sommersa” fra le mura domestiche. I posti più colpiti? I quartieri Salicelle ad Afragola, Madonnelle ad Acerra, Caivano e alcuni quartieri di Napoli.

    L’allarme del Garante dell’Infanzia

    “Abbiamo fatto questa ricerca proprio per evidenziare che il fenomeno è abbastanza consistente, è trasversale ed è molto sommerso – ha affermato Romano – La nostra ricerca, che è a campione, fatta sugli ambiti territoriali e su alcuni comuni, evidenzia oltre 200 casi e abbiamo testimonianze dirette e indirette, anche se non compaiono nella ricerca, che ci sono intere zone in cui l’abuso sessuale, l’incesto, è elevato a normalità”. Secondo il report del Garante dell’Infanzia, ci sono quartieri “molto critici come il quartiere Salicelle ad Afragola, quello di Madonnelle ad Acerra, come tante zone di Napoli, e non ultimo Caivano con i fatti che ben conosciamo”. Proprio a Caivano, negli alloggi del Parco Verde, è trtagicamente morta la piccola Fortuna dopo essere stata gettata da un terrazzo da chi avrebbe abusato di lei per anni. “Vogliamo accendere i riflettori su questo fenomeno – ha concluso Romano – e fare qualcosa che sia non solo un approfondimento ma soprattutto prevenzione e contrasto a un fenomeno che va sicuramente combattuto”.

    I numeri della ricerca

    Secondo la ricerca presentata oggi a Napoli, l’80% dei minori vittime di abusi è in età preadolescienziale. Nell’87% dei casi si tratta di bambine tra i 6 e i 10 anni. “Purtroppo – si legge – quello degli abusi intrafamiliare resta una stima perché si tratta di violenze sommerse dal momento che una violenza tra le mura domestiche è molto più difficilmente comunicabile dalle vittime, confuse dai vincoli familiari con i responsabili”.ì
    Il GIORNALE di SALLUSTI in prima PAGINA.

Lascia un commento

Your email address will not be published.

Articolo precedente

Fondo salva stati. Ecco la Società per azioni che decide al posto del governo italiano

Articolo successivo

Ma risanare lo Stato è di destra o di sinistra?