Miliardi a MPS con le tasse dei cittadini. E le imprese muoiono

di ROBERTO GORINI*

3,9 miliardi di denaro degli italiani per una banca, la MPS (Monte dei Paschi di Siena). Qualcuno giustamente fa notare che è circa lo stesso gettito della prima rata dell’IMU. Vale a dire, gli italiani devono pagare l’IMU per aiutare una Banca?

Ebbene si, così va il mondo e così operano i nostri politici. Ma qual è la motivazione di fondo che giustifica questa scelta? Qualcuno potrebbe sostenere che la banca è fonte di potere (e di mazzette), e forse costui ha ragione, ma io provo a sostenere un’altra teoria.

Si salvano le banche perché si pensa che siano fonte di ricchezza. Che siano il piedistallo su cui si basa il benessere dei cittadini e la prosperità dell’economia reale. Sbagliato: le banche oggi, tramite la riserva frazionaria, creano inflazione, re-distribuiscono ricchezza ai danni dei più deboli e causano una economia instabile.

E’ lo stesso errore che si fa quando si pensa che stampare denaro significhi produrre ricchezza. Che ingenuità keynesiana! O quella di Keynes era malafede? Economisti a parte, la teoria vera è che sono le imprese e chi lavora a produrre ricchezza, è un fatto che il tessuto sociale sano siano le imprese, e soprattutto le piccole e medie imprese. Quelle che danno lavoro a tante persone, che non le trattano come un numero e che pagano le tasse, si perché pagano anche le tasse, seppure troppe ! Purtroppo però le imprese non le aiuta nessuno, anzi sono il capro espiatorio, la causa di tutti i mali. Gli imprenditori sono gli evasori che hanno causato le crisi. Quanta demagogia!

Eppure un aiuto alle imprese lo si potrebbe dare, senza soldi: togliendo questa burocrazia opprimente, dando a loro la sicurezza del diritto e non perseguendole come fossero criminali. Se combattiamo chi lavora chi sosterrà tutte le persone a carico dello stato ? (stato volutamente con la s minuscola). Uno stato che combatte le attività produttive si troverà solo assistiti. Ad uno stato che combatte la ricchezza resterà solo la povertà.

Gli aiuti a MPS sono emblematici: si tassano i cittadini e le imprese per salvare le banche. Invece la ricetta dovrebbe essere: non ostacoliamo le imprese, lasciamo fallire le banche e con quei soldi (semmai) proteggiamo direttamente i piccoli risparmiatori!

*www.robertogorini.itwww.contantelibero.it

Print Friendly, PDF & Email
Articolo precedente

CATALUNYA, IL DEBITO E' UN OSTACOLO SULLA STRADA DELL'INDIPENDENZA

Articolo successivo

Cecchetti: "No all'Irap per le aziende che assumono"