Morte 18enne dopo vaccino. La procura di Genova indaga per omicidio colposo

La Procura di Genova indaga per omicidio colposo dopo la morte della studentessa di 18 anni di Sestri Levante colpita da trombosi alcuni giorni dopo aver ricevuto la prima dose del vaccino AstraZeneca. L’inchiesta era già stata aperta dopo il ricovero della giovane in gravissime condizioni all’ospedale policlinico San Martino di Genova ma, dopo la notizia della morte della studentessa, è cambiato il reato su cui si indaga, sempre a carico di ignoti.

Nelle prossime ore, intanto, sarà disposta l’autopsia sul corpo della ragazza. La giovane era stata vaccinata volontariamente il 25 maggio nella Asl di residenza dopo anamnesi vaccinale negativa. Secondo quanto ricostruito dall’agenzia sanitaria regionale Alisa, il 3 giugno si è recata in pronto soccorso con cefalea e fotofobia ed è stata sottoposta ad una tac cerebrale e ad un esame neurologico, che sarebbero risultati entrambi negativi. E’ stata quindi dimessa dall’ospedale con la raccomandazione di ripetere gli esami ematici dopo 15 giorni ma il 5 giugno si è presentata di nuovo in pronto soccorso con deficit motori ad un emilato. Sottoposta ad una tac cerebrale con esito emorragico, è stata immediatamente trasferita nel reparto di neurochirurgia dell’ospedale San Martino, dove ha subito un intervento di neuroradiologia interventistica per rimuovere meccanicamente il trombo ed un secondo intervento volto a detendere la pressione intracranica derivante dall’emorragia.

Print Friendly, PDF & Email
Articolo precedente

Gimbe, ora che si potrebbe non si tracciano più i contagi

Articolo successivo

60 anni fa la notte dei fuochi in Sud Tirolo