Monza e Brianza. Provincia con un buco da 8 milioni? Basta trasferimenti a Roma

di Davide Redolfi – Presidente Santambrogio non è il caso di cessare i trasferimenti a Roma?
Non solo le aziende sono in crisi in questo periodo di pandemia.
Apprendiamo oggi che, nelle casse della provincia di Monza mancherebbero all’appello 8 milioni di euro dei 39 che deve trasferire a Roma.
Una provincia così ricca e importante come quella di Monza non può e non deve elemosinare niente da questo stato.
È ORA DI STOPPARE I TRASFERIMENTI A ROMA!
39 milioni servono alle nostre aziende, alle nostre partite iva, alle nostre strade e ai nostri ponti!
Ora basta.
Grande Nord invita il presidente Santabrogio a non versare più nemmeno un euro allo stato centrale.
Siamo al dunque, o portiamo avanti azioni forti oppure moriremo.
Basta Soldi a roma!

Print Friendly, PDF & Email

1 Comment

  1. Purtroppo roma è diventata una voragine senza fine e sembra che qualcuno se ne stia accorgendo finalmente. Quando qualcuno o qualcosa diventano tossico dipendenti bisogna togliergli la droga, in questo caso i soldi.
    Ma è mai possibile che vari territori producano, si diano da fare e poi si ritrovano a dover sempre elemosinare a roma i soldi per poter dare i servizi che i cittadini giustamente si aspettano ?
    A cosa serve uno stato, una regione, un comune se non danno i servizi che sono pagati dai cittadini a suon di tasse e tasse ???
    Quando dicevo che l’autonomia ce la dobbiamo prendere è proprio questo. I soldi ce li teniamo e li spendiamo.. se ne avanza dopo aver soddisfatto le esigenze del territorio, del comune li manderemo a roma come” beneficienza” ………… noi la beneficienza o l’elemosina da roma non la vogliamo, ma non possono pretendere che noi che abbiamo prodotto risorse finanziarie sufficienti per noi dobbiamo trovarci senza e dover chiedere, chiedere e chiedere.
    La musica si è fatta stonata. La musica è diventata talmente brutta che non la vogliamo più tra i piedi e tra le orecchie. Bastaaa!!!
    WSM

Lascia un commento

Your email address will not be published.

Articolo precedente

Alitalia, la pandemia del debito più lungo della storia

Articolo successivo

Su 800mila attività, il 18 maggio riaprono in 196mila. E le altre?