Monti: l’IMU non va tolta, son solo promesse di un partito

di REDAZIONE

 ”La questione piu’ ‘calda’ del momento, quella dell’Imu, va anch’essa responsabilmente inquadrata in questa fase, che e’ promettente, ma di grande fragilita”’. Lo scrive il presidente di Scelta Civica, Mario Monti, in un editoriale pubblicato sul sito del partito. L’ex presidente del Consiglio ricorda che ”in mancanza di un iniziale ‘Patto di coalizione’ (che il Presidente Letta, come proposto da Scelta Civica, si e’ detto interessato a costruire alla ripresa dei lavori), l’unico ‘accordo e programma di governo’ e’ costituito dalle Dichiarazioni programmatiche del Presidente del Consiglio alle Camere, del 29 aprile, sulle quali ha ottenuto la fiducia dai partiti della maggioranza. Il passaggio rilevante e’ il seguente : ‘[…] la riduzione fiscale senza indebitamento sara’ un obiettivo continuo e a tutto campo.

Anzitutto, quindi, ridurre le tasse sul lavoro, in particolare su quello stabile e quello per i giovani neoassunti. Poi, una politica fiscale della casa che limiti gli effetti recessivi in un settore strategico come quello dell’edilizia, includere incentivi per ristrutturazioni ecologiche, affitti e mutui agevolati per giovani coppie, e poi bisogna superare l’attuale sistema di tassazione della prima casa, intanto con lo stop ai pagamenti di giugno per dare il tempo al Governo e al Parlamento di elaborare insieme e applicare rapidamente una riforma complessiva che dia ossigeno alle famiglie, soprattutto quelle meno abbienti’ (i corsivi sono nostri). E’ difficile dedurre da questo testo che il governo sia impegnato all’abolizione della tassazione sulla prima casa. E’ invece chiara l’indicazione di due priorita’: del lavoro rispetto alla casa; e del favore alle famiglie meno abbienti, rispetto a quelle piu’ abbienti. Su questo testo il governo e la maggioranza sono impegnati. Ogni altro elemento puo’ aver fatto parte di promesse elettorali di questo o quel partito, ma non puo’ impegnare il governo”.

Print Friendly, PDF & Email

2 Comments

  1. Bla bla bla….
    Ingozzarsi di soldi è l’unico magna magna che non porta il diabete quindi lor signori non si stancheranno mai di pretendere foraggio.
    In bocca loro parole come “equità fiscale” e “aiuti alle famiglie meno abbienti” fanno rima con stronzate come “vedo la luce in fondo al tunnel”.
    La verità pura e semplice è che sono solo dannatamente fortunati che la popolazione italiana è pecora e non si muove se non c’è un pirla che suona la campana perchè se il loro italiano tipo fosse un avanzo di galera come i simpaticoni che spadroneggiano sul litorale riminese a quest’ora non avremmo neppure il ricordo di questa marmaglia ed i visceri, le ossa…

  2. Professore dei miei stivali ringrazia gli italioti che non manifestano a differenza di altre nazioni ma ma come dico non e’ solo mussolini che e’ stato appeso a testa in giu’ ben presto ci sara’ una lunga fila di politici aaaaaaaaaaaaa

Lascia un commento

Your email address will not be published.

Articolo precedente

Kyenge: l'Emilia è la mia terra e qui ci torno sempre

Articolo successivo

Bossi rincara: della Kyenge l'Italia ne ha pieni i coglioni