Montagne lombarde. Il Cai avvicina i giovani in 80 rifugi del territorio. Le Alpi parlano di identità

Un nuovo progetto per portare centinaia di giovani in montagna con il coinvolgimento di 80 rifugi lombardi delle province di Bergamo, Brescia, Como, Lecco e Sondrio. Sara’ presentato domani nella Sala Gonfalone di Palazzo Pirelli, l’iniziativa “#Y4M – Young People for the Mountains”, patrocinato dal Consiglio regionale della Lombardia e che rientra nell’ambito delle iniziative previste e finanziate dalla legge regionale per le montagne lombarde. Il progetto ha come ente capofila la Sezione CAI di Bergamo e conta anche sui patrocini del CAI Lombardia, dell’Osservatorio per le montagne, dell’Associazione Rifugi di Lombardia e dell’Universita’ degli Studi di Bergamo. All’evento di domani saranno presenti il presidente del Consiglio regionale, Alessandro Fermi, i vicepresidenti Francesca Brianza e Carlo Borghetti e i consiglieri segretari Giovanni Malanchini e Dario Violi, oltre ai vertici del CAI regionale, al presidente del CAI di Bergamo Paolo Valoti, a esponenti dei CAI provinciali, rifugisti e imprenditori montani aderenti al progetto. Complessivamente saranno messi a disposizione 500 voucher di mezza pensione (cena, pernottamento e colazione) presso i rifugi aderenti: saranno coinvolti giovani lombardi di eta’ compresa tra i 18 e i 30 anni che potranno ottenere il voucher (n 2 per ciascun partecipante equivalente a due notti presso i rifugi prescelti) candidando il proprio progetto “Viaggio sulle montagne di Lombardia”. I pernottamenti saranno consentiti per tutta l’estate a partire dal 4 luglio, data che coincidera’ quest’anno con la Giornata regionale per le Montagne. Ogni partecipante dovra’ infine sottoscrivere la carta dei valori montani di “Save the Mountains”. (AGI)Com/Flo 231438 GIU 21 NNNN

photo by asoggetti

Print Friendly, PDF & Email
Articolo precedente

Non c'è legna, a Bergamo a rischio 3500 lavoratori. Import aumenta costi

Articolo successivo

La destra spagnola ricorre alla giustizia contro indulto a indipendentisti. Stesso scenario potrebbe accadere oggi in Italia