LA MOGLIE DI TOSI: “A VERONA VOTEREI PDL, NON MIO MARITO”

di REDAZIONE

Tra moglie e marito non mettere il dito, soprattutto quando lei non voterebbe lui che è candidato a sindaco in città.

Per Flavio Tosi la scelta di ricandidarsi a sindaco di Verona senza il sostegno del Partito delle Libertà non parte sotto i migliori auspici: sua moglie Stefania non lo voterebbe.

La curiosa rivelazione, che ha stupito per primo lo stesso Tosi, è avvenuta oggi ai microfoni del programma di Radio2 “Un Giorno da Pecora”, dove il sindaco di Verona era ospite di Sabelli Fioretti e Lauro: «La mia idea sarebbe quella di presentarmi con la lista della Lega Nord, con la lista Tosi, con cui mi sono presentato 5 anni fa, ed eventuali altre liste civiche. Senza l’alleanza del Pdl», ha spiegato Tosi. Ma sua moglie, lo stuzzicano i conduttori, che è una elettrice del PdL, secondo lei con questa nuova coalizione, la voterebbe?

Tosi ha risposto con sicurezza: «Se ci fossero le elezioni prevarrebbe un fatto affettivo, voterebbe per me». Ne è sicuro, ha chiesto il conduttore? «Si, non glielo chiedo neanche. Ne sono sicuro. A parti invertite io la voterei».

Detto fatto. Viene contattata la signora Tosi che al telefono, in diretta, smentisce il marito. «Premetto che sono residente a Vicenza, quindi non voto a Verona». Ma se votasse nella città scaligera, le domandano i conduttori, lei cosa farebbe? «Non lo voterei, voterei il candidato del Pdl. Io stimo mio marito e lui ha amministrato benissimo. Però io sono del Pdl e sono coerente col mio partito. Di conseguenza voterei per il Pdl». Ma Flavio è meglio come marito che come politico? «Lui è un ottimo marito e un ottimo sindaco», ha “addolcito” la pillola Stefania Tosi. Il sindaco, piuttosto stupito, ha commentato così il “tradimentò familiare”: «Terribile, devastante!».

Che ci sia dell’altro dietro? Forse val la pena riportare quanto scritto nel libro Umberto Magno: “E tengo famiglia deve essere quello che ha pensato Flavio Tosi, leghista doc dal profilo a volte poco ortodosso, che si è distinto per un gesto poco trasparente. Subito dopo la sua elezione a sindaco di Verona, il nuovo primo cittadino aveva lasciato l’assessorato alla Sanità del Veneto. La sua sostituta Francesca Martini, tra i primi provvedimenti, si occupò di nominare Stefania Villanova, già dipendente regionale e responsabile della sua segreteria particolare. Un bel progresso che naturalmente andò di pari passo con un aumento dello stipendio da 25mila a 70mila euro. A cercare il pelo nell’uovo si scoprì poi che questa Stefania Villanova non era un dipendente qualsiasi, bensì la moglie di Tosi che è concittadino della Martini e suo predecessore nell’assessorato alla Sanità”.

Che è successo nel frattempo?
Print Friendly, PDF & Email

9 Comments

  1. Trasmettiamo un messaggio speciale:

    tutti a Jesolo

    ripeto

    tutti a Jesolo

    ora un secondo messaggio:

    Flavio viaggia sul treno transiberiano

    ripeto

    Flavio viaggia sul treno transiberiano

    TANZANIA LIBERA, TANZANIA SCALIGERA !

  2. Se fossi in Flavio Tosi, mi ritirerei dalla competizione elettorale. La moglie infatti non ha solo dichiarato che non lo voterebbe ma addirittura che voterebbe il PDL a prescindere dal candidato. Quindi anche un somaro targato PDL è più degno di suo marito.

  3. Leghisti di m…., in primis quel bluff vivente di Tosi. Oltre alla moglie ha piazzato un po’ tutti i suoi amici in vari enti pubblici o direttamente in Comune… Clappe clappe..!

  4. Certa gente quando assapora un secondo di notorietà, se non ha i nervi saldi, perde la testa. E così può essere successo alla bella moglie di Tosi. Andate a chiedere alle mogli dei candidati alle presidenziali americane, se voterebbero contro i loro mariti…. quelle sanno come affrontare i media e mica si fanno fregare, neppure dalle loro “paturnie”….A meno che non sia un colpo….”gobbo”,,,.

  5. Ost…..è stata quella intervista che gli han fatto a Rai Parlamento..la moglie sarà gelosa della intervistatrice che sente sempre Zaia e anche Tosi e poi quel programmi così non portan fortuna…

Lascia un commento

Your email address will not be published.

Articolo precedente

FIERAGRICOLA VERONA, 50 ANNI DI POLITICA AGRICOLA COMUNE

Articolo successivo

BELOTTI, YARA GAMBIRASIO E IL PM DA RIMUOVERE