Misteri del Vesuvio. Quella deputata Pd sempre in missione da quando è candidata sindaco a Napoli

vesuviodi OPENPOLIS –  Con il ritiro di Vargiu dalla corsa a Cagliari, sono rimasti quattro parlamentari ancora in gara per diventare sindaco: Meloni e Giachetti a Roma, Valente a Napoli e Airaudo a Torino. Dal giorno della loro candidatura quasi mai sono stati presenti in parlamento. Da chi si è fatto vedere una sola volta, a chi è improvvisamente sempre in missione.

 

Esiste una difficoltà da parte dei parlamentari a portate a temine l’incarico, o almeno se ne contano diversi casi lampanti. Proviamo a fare un po’ di conti per vedere se davvero è fattibile portare avanti una campagna elettorale per le amministrative e seguire al tempo stesso i lavori dell’aula. Quanto sono stati presenti in parlamento i deputati candidati a sindaco?

Partiamo da chi in questo periodo presente non è quasi mai stato, letteralmente: Giorgia Meloni. Dal 16 marzo, data in cui la deputata ha ufficializzato la sua candidatura, è stata presente una sola volta in aula durante le votazioni elettroniche. Nel periodo in questione si sono tenute oltre 740 votazioni, Giorgia Meloni è stata assente al 99,87% di esse.

Discorso analogo per Giorgio Airaudo. Nel periodo che va dalla sua candidatura a sindaco di Torino a oggi, la sua percentuale di assenze alle votazioni elettroniche è passata dal 42,56% (già alta) al 72,62%. Impennata di defezioni anche per Roberto Giachetti, passato dal 3,64% di assenze al 57,41%. Il suo ruolo da vice-presidente della camera gli permette, e in qualche modo lo costringe, a mantenere una percentuale di presenze “da candidato” superiore agli altri. Se Giorgia Meloni ha partecipato da candidata solo allo 0,13% di votazioni, Giorgio Airaudo al 27,38%, per Giachetti la percentuale è del 42,59%.

Un capitolo a parte lo merita la candidata Pd a sindaco di Napoli Valeria Valente. Uscita vincitrice dalle primarie di inizio marzo, da quel giorno ha partecipato alle votazioni elettroniche solo in 2 occasioni: per votare una fiducia, e per l’approvazione finale della riforma costituzionale. Nonostante questo, la sua percentuale di assenze da candidata è pari allo 0%, come lo sono però anche le sue presenze (0,27%). Da quel 6 marzo infatti Valeria Valente è costantemente in missione. Assenze formalmente giustificate, ma l’attuale poca trasparenza in materia di missioni non ci permette di capire se risulta mancante per svolgere i suoi incarichi istituzionali da segretario dell’ufficio di presidenza, da membro della commissione difesa, o per seguire la sua campagna elettorale. Prima della corsa a sindaca la sua presenza in aula era tutto sommato alta: 61,42%.

Rimane comunque curioso il fatto che la sua percentuale di missioni passa dal 28,85% del periodo precedente la candidatura a Napoli, al 99,73% registrato a partire dal giorno della vittoria alle primarie. Una coincidenza fin troppo palese? Fidarsi, come sempre, è bene, ma questi numeri sono certamente da tenere in considerazione.

http://blog.openpolis.it/2016/04/21/ecco-perche-chi-si-candida-a-sindaco-dovrebbe-dimettersi-dal-parlamento/7391?utm_source=Newsletter&utm_medium=email&utm_term=MailUp&utm_content=MailUp&utm_campaign=Newsletter

Print Friendly, PDF & Email

Lascia un commento

Your email address will not be published.

Articolo precedente

La guerra all'Isis in piena deregulation

Articolo successivo

“Era Bobby Sands”. Parla il compagno di cella Seanna Walsh