MINETTI, LA TESSERA E LA MILITANZA NEL PDL

di TONTOLO

Solo qualche tempo fa, gestiva il giro pulzelle che facevano la fila per accedere nella magione di Arcore, con la benedizione del gran re del “bunga-bunga”. Recentemente, ha rischiato addirittura di essere cacciata dal suo partito per non aver regolarizzato in tempo la quota annuale d’iscrizione. Mille euro di tessera, suvvia, cosa sono mai per la collega del Trota, che ne spunta una dozzina di migliaia poggiando le sue fantastiche terga sugli scranni del Pirellone? Vabbé doveva sganciare la grana entro il 31 ottobre dell’anno scorso. Lo ha fatto poco più di una settimana fa. Ecchecacchio, con tutte le irregolarità che costellano il Pdl, sarà mica il ritardo di una rata a mettere a rischio la straordinaria carriera politica dell’igienista dentale più amata da don Verzè.

Giustamente è stata perdonata, pena però l’impossibilità a votare ai congressi di Milano e provincia del suo partito. Anzi manco potrà ricoprire cariche interne al Pdl per tutto il 2012. Per dirvi la verità non credo gliene possa fregare molto, anche perché le sue cariche mica gli arrivano da un militonto qualsiasi che vota. Lei è una che nei listini – nonostante Formigoni .- ci finisce “grazia et amore dei”, sì soprattutto per amore.

Eppoi, essendo indagata per istigazione e favoreggiamento alla prostituzione anche minorile, leggasi caso Ruby, è come se avesse una medaglia al merito.

Essendo inoltre una “perseguitata” dalla magistratura, un posto al sole glielo si deve per diritto. Lei, politicamente, è una berlusconiana di ferro, mica è una ballerina. No, quello lo era una volta, al “Colorado cafè”. Sarò anche Tontolo, ma ho la memoria lunga.

 

Print Friendly, PDF & Email

13 Comments

  1. Don Verzè…mi ricordo sempre quella bella intervista che gli han fatto su Rai 2…la trasmissione era Quello che…Regioni…e tutto andava bene e tutto era l’eccellenza lombarda e tutto nuvolette rosa e fiorellini…e tutte le doemande erano “ma come siete bravi” e “come fate a essere così bravi” e “tutti dicono che siete l’ecvcellenza”: Quelli erano bei tempi, tutto sorrisi e grazie e prego e grazie a lei. Poi….che sfiga!

Lascia un commento

Your email address will not be published.

Articolo precedente

DAVID RIONDINO: "SONO UN EVASORE PENTITO"

Articolo successivo

BEPPE GRILLO: A SANREMO NE' ORA NE' MAI