MILIZIA VENETA ANTITASSE? ECCO COSA DICE L’ESPRESSO

di REDAZIONE

L’uscita del settimanale l’Espresso di quest’oggi, ha disturbato il MLNV (Movimento Liberazione Nazionale Veneto), che non ha preso bene l’inchiesta pubblicata. Ecco cosa riportano sulla loro pagina Facebook:

“Siamo alle solite, la stampa di regime ci presenta per quello che non siamo. Il Sig.MANFELLOTTO direttore de l’ Espresso presenta oggi 24.05.2012 il reportage di Fabrizio Gatti che uscirà nel numero di domani e fatto anche sul Movimento di Liberazione Nazionale del Popolo Veneto. Ancora una volta viene usato il solito cliché di esaltati ai limiti del terrorismo e avezzi alla violenza.

Anche in questa presentazione, come spesso accade nei regimi antidemocratici e illiberali lo strumento mediatico inquina il messaggio autentico e patriottico che il Movimento di Liberazione Nazionale del Popolo Veneto cerca di divulgare e che non ha nulla di violento ed è rigorosamente legale e legittimo.

In questa breve e insensata presentazione il MLNV viene associato con la propria immagine ad una MILIZIA ANTITASSE. L’Espresso dedica addirittura al MLNV la copertina del numero in edicola con un titolo fuorviante e spregiudicatamente falso. Se l’inchiesta di Fabrizio Gatti ha portato alla luce l’esistenza di milizie antitasse, così come sembra indicare il direttore de l’Espresso, noi non lo sappiamo ma sicuamente il MLNV non ha tempo da perdere con le questioni italiane (rivolta fiscale) perché rivendica la liberazione della Patria (Repubblica Veneta) occupata dallo stato straniero italiano.

E’ evidente infine che il MLNV non condannerà mai un cittadino veneto che si rifiuta di pagare le tasse ad uno stato straniero che occupa la sua Patria anche se lo dovesse fare con l’estremo uso della forza. Speriamo nell’onestà professionale del giornalista Fabrizio GATTI di cui leggeremo l’articolo oggi. Ed ecco come il direttore presenta il reportage di Fabrizio Gatti: “C’è chi aprofitta un po’ della protesta e della rivolta che c’è in molte parti del paese (??? sicuramente si riferisce all’italia ignorando il fatto che qui italia non è) dovuta al pagamento di tasse che naturalmente sono aumentate e cresciute… c’è la protesta di chi non ce la fa a pagare e poi purtroppo c’è anche la protesta di chi usa strumenti e mezzi inaccettabili come la violenza (siamo curiosi di vedere chi sta usando strumenti e mezzi inaccettabili come la violenza…i cittadini veneti, noi del MLNV o le forze di occupazione italiane armate fino ai denti anche con mitra e manganelli?). Fabrizio Gatti ha fatto una ricerca nel nord-est (???) che spesso è culla e laboratorio di fenomeni politici originali e ha scoperto che esistono delle milizie (???) vere e proprie che in qualche modo si offrono di appoggiare la rivolta fiscale e arrivano addirittua come vedrete nelle prossime ore in un video che lo stesso Gatti ha girato e minacciano addirittura la possibilità di appoggiare chi addirittura dovesse usare le armi contro chi chieda il pagamento delle tasse. Sono naturalmente episodi limitati ma come spesso succede scattano, potrebbero scattare, possono scattare fenomeni imitativi quando c’è una crisi sociale in atto… Noi speriamo di no però abbiamo fatto il nostro dovere di cronisti e abbiamo raccontato una vicenda molto originale, naturalmente esclusiva, e a questa abbiamo dedicato la copertina de l’ Espresso LE MILIZIE ANTITASSE avvertendo di questo rischio e di questo pericolo.”

QUI IL SERVIZIO DE “L’ESPRESSO”. CLICCATE E APRITE IL PDF

I GUERRIERI ANTIFISCO

Print Friendly, PDF & Email

20 Comments

  1. La cosa più grave è la dignità di persone che questi vogliono toglierci , giorno per giorno questi buffoni ci prendono un “mattoncino” della nostra libertà.
    Vergogna ai redattori di questo articolo e chi li finanzia , infangare una bandiera millenaria simbolo di venezia da sempre e del popolo veneto è proprio un gesto da vigliacchi per definirci estremisti , offendere riserva tramite l’ingiuria un reato! e questo cos’è???.Vergogna!!! siete lo schifo della terra!

  2. E’ PROPRIO UN ESPRESSO DI IGNORANZA PURA, QUELLO CHE MI FA’ INCAZZARE DI PIU’ E’ CHE QUESTO ABORTO DI STAMPA E’ ANCHE MANTENUTO PER SCRIVERE QUESTE MERDATE COMUNISTE SOVIETICHE.

    W L’AUTODETERMINAZIONE DEI POPOLI PER LA LIBERTA’ DA QUESTA STAMPA BECERA E DIFAMATORIA.

    W SAN MARCO

    W L’INDIPENDENZA

  3. perchè non usate le vostre milizie per prendere a calcioni
    la NDRANGHETA e buttarla fuori dal nordest. Sarei dalla vostra parte. buona fortuna.

  4. Dal1997-atto di leberazione dei Serenissimi. l’indole secessionista da noi non è MAI stata sconfitta.E’ piu viva e piu forte di prima.Forse l’espresso non sa che oltre alle milizie che stanno girando,ed al senso piu’ che tangibile di una imminente rivolta popolare,c’è anche un detto che dice”Con la Serenissima 400 anni di gloria,con l’Italia 150 de merda”..inizi a meditare il giornalista su questa frase.In poche parole è detto tutto.

  5. L’Espresso è di sinistra, si sa. Tuttti quelli di sinistra vogliono l’Italia unica e indivisibile, così come le destre ….
    Una situazione davvero difficile da risolvere………………….

  6. mi son dimenticato una cosa…

    VIVA SAN MARCO!!!

    LA REPUBBLICA VENETA è PRONTA ALLA RINASCITA!!!!

    noi del MLNV siamo gli unici con diritto internazionale, informatevi nel sito!!!

  7. salve a tutti, fortunatamente vedo che la gente sa come leggere il giornale e sa che certe notizie per come sono scritte vanno prese con le pinze! comunque se si conosce l’italiano con milizia si intende una banda armata, e da noi armi non ne girano, bah… e poi ci hanno dato dei carbonari e storici fai da te…altro modo per nascondere la nostra storia millenaria e il torto fattoci, due, e lo dico da storico fai da te!, ma i motti carbonari non erano delle società segrete? beh noi del MLNV abbiamo poco di segreto, tanto che sul nostro sito http://www.mlnv.org sono presenti e sempre aggiornate le date e orari delle nostre riunioni SEMPRE APERTE AL PUBBLICO! e in più, sempre nel sito c’è una chat pubblica e aperta al cittadino dove siamo a disposizione per rispondere alle varie domande!!! se il sign. Gatti avesse veramente studiato il nostro sito, credo proprio che si sarebbe accorto di tali date, basti vedere anche in facebook, pure li vengono pubblicate…eeeh più segreti di cosi!!!….signori mi rivolgo a voi in quanto coordinatore delle cernide per treviso, il mio compito è quello di far conoscere ai cittadini chi siamo, come ci comportiamo e farvi iscrivere all’anagrafe veneta GRATUITA PERCHè NON è UN’ISCRIZIONE A UN PARTITO ITALIANO è solo una consapevolezza e l’accettare il fatto che siamo veneti e non italiani! comunque, per quanto diffamatorio, ringrazio l’espresso per l’enorme pubblicità fattaci e per averci tolto dall’anonimato…ricordatevi di una cosa E NON è UNA MINACCIA MA UNA CONSAPEVOLEZZA, la gente è stanca, di voi e di queste notizie pilotate, volte a nascondere ciò che siamo e che stiamo facendo!!!

  8. Popolo Veneto …. mmmmmm Come mai allora avete chiesto soldi allo stato Italiano quando ci fu l’alluvione? (che avete ottenuto e presi senza perdere tempo)

    • per sig. Massimo:
      1) i soldi per gli alluvionati del Veneto chi li ha più visti, poi?
      2) quand’anche li avessimo ricevuti, quei soldi avrebbero rappresentato di sicuro almeno un miliardesimo di miliardesimo di ciò che i Veneti hanno versato allo stato itagliano – straniero, occupante, colonialista e razzista – nel corso delle rapine fiscali itagliane.

      Dal canto tuo, goditi tutta la tua italia e tientela stretta. Nessuno te la vuole togliere, anzi!

    • Imbecille ma se non possiamo trattenerli, cosa bisognava fare, prendere il treno e andare chiederli alle persone in altri posto d’Italia?

    • Vuoi sapere perchè?I soldi dell’alluvione li hanno dati in meno di 72 ore.Già depositati nelle banche li hanno utilizzati per ricostruire le fabbriche danneggiate,mettere a posto i macchinari,,,Se continuavano a tergiversare scoppiava sul serio una rivolta….I veneti quando sono incazzati sono molto pericolosi..Più dei friulani.

  9. Così, come si beve in fretta un caffè al bar, “l’Espresso” ha sprecato l’opportunità che pensava di essersi preso.
    Dopotutto il presupposto di quest’inchiesta giornalistica è “la rivolta fiscale in italia”… argomento che riflette marginalmente l’impegno che si è preso il Movimento di Liberazione Nazionale del Popolo Veneto che è quello di liberare la Patria dall’occupazione straniera italiana … ma anche per il giornale L’Espresso, probabilmente questo è meglio che i Veneti non lo sappiano, ovviamente.
    Sergio Bortotto Presidente del MLNV

  10. La strada del diritto internazionale è quella giusta, altrimenti l’espresso non si sarebbe scomodato a riservarci copertina e 6 facciate per manipolare le informazioni, screditarci e ridicolizzarci… Ci tenevano così tanto che hanno fatto passare in secondo piano i poveri terremotati emiliani…Mi fanno pena i giornalisti, se hanno un minimo di coscienza devono vivere veramente male…

  11. internet o no internet a nostra a xè na lingua, voemo capirlo si o no? El Veneto, nol ga gnente de manco de altre lingue. El sbaglio el xè che i ne ga insegnà par tanto tempo, scuola e teevision, de vergognarse parchè nol la gera “fine” ma un poco contadinota, come contadinoti i ne ga vosuo giudicarne el resto dei taliani.
    Però sti taliani i ne ga ciucià el sangue, osia i skei del nostro lavoro. Ve va ben cusì?

  12. MLNV o no MLNV, nialtri no semo orijinai, no aprofitemo dea situasion, no se inventemo storie e bagoi par darghe fastidio al Stato ocupante foresto, nialtri semo veneti e co i taliani no ghemo gnente da spartir…xe lori ke vol spartirse quéo ke no xe suo de lori.

    • Le ricordo che siamo su internet e scrivere in veneto non giova affatto alla vostra e nostra causa.
      Al limite scriva in inglese così la capiranno qualche centinaia di milioni di persone in più.

      • io invece credo che sia significativo utilizzare questo spazio anche per rilanciare le nostre lingue e imparare a capirci tra noi…

      • Non ho la pretesa di parlare al mondo, mi accontento umilmente di contribuire al risveglio del popolo veneto dall’interno e alla nostra maniera.
        Si, scrivo in straniero in uno spazio web in lingua italiana: quello che voglio è non essere considerato italiano ma straniero. Pax tibi.

Lascia un commento

Your email address will not be published.

Articolo precedente

ECCO PERCHE' I SOLDI IN BANCA NON SONO SICURI

Articolo successivo

LEONI: BOSSI SI RICANDIDERA' CONTRO MARONI. IL PARTITO E' NOSTRO