SCOZIA: UN MILIONE DI “BRAVEHEART” PER L’INDIPENDENZA

di REDAZIONE

Un milione di “Braveheart’ per l’indipendenza della Scozia: Alex Salmond, il First Minister e leader della maggioranza secessionista al parlamento di Edinburgo, ha dato il via la campagna per il s al referendum invitando un milione di scozzesi a firmare un manifesto di appoggio alla consultazione che dovrebbe tenersi nell’ottobre 2014. «Vogliamo una Scozia più verde, giusta e prosperosa. Per raggiungere questi scopi dobbiamo essere indipendenti», ha detto Salmond al Cineworld, un affollato cinema del capoluogo scozzese, con lui un parterre di celebrità che lo appoggiano nella battaglia per la secessione.

«Tornerò ad essere residente scozzese per poter votare si», ha dichiarato su Twitter dopo l’evento l’attore Alan Cumming che negli ultimi anni ha vissuto e lavorato per lo più in America. «Voglio che siamo indipendenti, non perchè penso che siamo migliori degli altri paesi, ma perchè siamo all’altezza di altri paesi», ha detto Salmond che ha annoverato tra i primi ‘yes’ illustri il leggendario Sean Connery, la poetessa Liz Lochead e il musicista Pat Kane. Attualmente il parlamento scozzese ha competenze in materia di istruzione, sanità, ambiente e giustizia ma le questioni internazionali, l’energia e la difesa vengono decise da Londra.

Per romantico che sia l’obiettivo, il leader dello Scottish National Party ha davanti a sè una campagna tutta in salita: a dispetto delle tradizioni locali radicate a nord del fiume Tweed come le cornamuse, i kilt e l’haggis (uno stomaco di pecora riempito di interiora), solo un compatriota dello storico 007 su tre è favorevole all’indipendenza dalla Gran Bretagna, ha scoperto un sondaggio condotto dall’ex Cancelliere dello Scacchiere Alistair Darling, che guida il fronte pro-Regno Unito in vista del referendum.

Il sondaggio commissionato da Darling a YouGov ha mostrato che appena il 33 per cento degli oltre 5 milioni di scozzesi voterebbe si mentre il 57 per cento è contrario con dieci su cento indecisi. Salmond non si è lasciato smontare: «La campagna per la secessione si costruirà mattone su mattone» utilizzando i metodi della politica storica come il porta a porta ma anche le nuove formule di persuasione offerte dalla tecnologia online.

Print Friendly, PDF & Email

3 Comments

    • Perchè loro si sono presi la devolution, lottando duramete contro lo stato centrale in 20 anni hanno portato a casa la devolution.
      Invece da noi la lega in 20 anni ha portato a casa solo le pensioni dorate a decine di inutili e schifosi parlamentari!

Lascia un commento

Your email address will not be published.

Articolo precedente

COLLASSO ECONOMICO, MA I GIORNALI CAZZEGGIANO

Articolo successivo

MONTI S'E' SVEJIATO: IL NORD HA PAGATO L'EVASIONE DI ALTRI