/

Metamorfosi di un Capitano

pontida 2015 matera

di Marcello Ricci – Matteo Salvini, auto-definitosi Capitano (non Capo) è platealmente passato dalla LEGA NORN PER L’INDIPENDENZA DELLA PADANIA a NOI CON SALVINI. Onore e merito per aver avuto l’onestà politica di aver esplicitato il legame con ROMA perennemente capitale e non più LADRONA.
L’aria del Viminale l’ha portato alla rivalutazione dei Prefetti e a guardare con altro sguardo la figura del Presidente della repubblica italiota, anche se è Mattarella. Ai capi di stato si deve rispetto, pertanto nessun commento.
Si torna a Salvino a cui si devono riconoscere qualità non di poco conto, come la forza fisica, le capacità di comunicare e polemizzare, buona preparazione politica e culturale, dunque una pagella più che buona.
Come impiega queste doti?
Figlio del Nord, sedotto dal Sud. Forse conquistato dal clima ha dimenticato che il meridione, da sempre, pesa e inquina.
Si è convinto, il buon Matteo, che sono proprio i Brambilla la causa del fanigottismo meridionale?
Certo che sì, perché fin dalla deprecata unità d’Italia, il Sud è stato mantenuto .
Si sono inventati di tutto e di più, contributi alle aree sottosviluppate, Cassa del Mezzogiorno, aree depresse, perfino le agevolazione per i terremoti si perpetuano nei secoli .

Il clima piacevole, la seduzione del sole, della musica e la comodità dei vasi comunicanti fanno il resto.
Nel meridione la sanità costa più che al Nord e non funziona , la scuola segue il medesimo ritmo, ma non c’è problema. In caso di malattie serie c’e la sanità della Padania che generosamente accoglie.
Ci si meraviglia dell’invasione di migranti economici, ma sotto certi aspetti sono emuli degli italioti.
Matteo, hai tante qualità e anche sentimenti buoni, ma sbambolati, non ti far accecare dal bollente sole meridionale, accontentati del Sole delle Alpi che è meno caldo, ma molto puro!
Hai delle ambizioni e te le puoi permettere. Guarda lontano.
Conviene spaccare, meglio sbriciolare l’Italia, significa far implodere l’Ue. Non per farla morire, ma per rifondarla. In questo nuovo equilibrio anche i Paesi economicamente deboli, se guidati, potranno rinascere con nuovi positivi equilibri.
Roma ti ha conquistato , ma ricorda, andando indietro nel tempo, secolo dopo secolo che LADRONA PER COSTITUZIONE , PER MESTIERE ed è felice di essere tale.
Matteo, hai l’occasione di guidare la storia, non finire in un col de sac confezionato da grilli e certopitechi.
Non sciupare l’occasione, la storia non offre momenti magici con frequenza.
Consentimi lo sfogo, nasce dall’esperienza e dalla nostra lunga conoscenza.

Print Friendly, PDF & Email
Articolo precedente

Ma come può fidarsi il Nord di Salvini?

Articolo successivo

Ci tagliano la sanità. Ma non basterebbe l'autonomia di spesa?