Merkel: alla Grecia neanche un centesimo se non fa le riforme

di REDAZIONE

«Nessun centesimo ai greci se non andranno avanti con le riforme». A sottolinearlo è il cancelliere tedesco Angela Merkel, intervenendo all’ultima seduta del Bundestag prima delle attese elezioni del 22 settembre in Germania. «È importante che i principi siano chiari», ha aggiunto Merkel, osservando che «negli ultimi quattro anni la crisi è stata molto dura, crisi di indebitamento, crisi di competitività, crisi bancaria». L’economia tedesca «va bene se va bene l’Europa», ha proseguito, perchè «l’euro è la moneta giusta per il nostro paese, per il nostro mercato del lavoro e per il nostro benessere».

Print Friendly, PDF & Email

4 Comments

  1. L’europa non esiste.
    E’ basata sul nulla.
    L’euro , per quanto paragonabile ,a detta del Prof.De Soto, ad una forma di gold standard, non basta a creare e cementare un’entità sovranazionale come l’unione europea.
    L’europa così come la vorrebbero gli euroburocrati e gli europolitici, non ha senso.
    L’euro , così come imposto a stati guidati da veri e propri coglioni e ladri , non ha alcun senso.

    L’europa è ammalata di finanza marcia, di burocrazia, di socialismo e di statalismo.
    Io non voglio essere spennato da questi malviventi.
    Attendo con fervore un default che faccia sparire quella latrina in cui ci hanno messi.
    L’europa dei vessatori.

  2. Condivido pienamente pippogigi abbi fede ben presto finiranno i soldi a pioggia dal nord al sud tanto i soldi se li rubano i vari parassiti

  3. Come sarebbe bello che la Padania potesse dire all’italia: neppure un centesimo se non fate le riforme e non tagliate spesa pubblica, lussi e sprechi.
    Praticamente la certezza di non pagare neppure un centesimo, i mediterranei amano far la bella vita alle spalle di chi lavora, si sa. Noi andiamo a lavorare, loro vanno a “faticare”, è tutto detto….

Lascia un commento

Your email address will not be published.

Articolo precedente

Eurozona fuori dalla recessione, eccetto la maglia nera: l'Italia

Articolo successivo

Monferrato e i segreti della Valle del tufo