Meno tasse sulle barche, 40.000 diportisti pronti a tornare

di GIANNI GIANGI

Il ritorno degli oltre 40.000 diportisti “persi” nel triennio 2011-2013, a causa di misure penalizzanti per il settore (volute dal governo Monti) successivamente corrette, porterebbe al recupero di posti di lavoro fino ad oltre 11.000 unità e ad un gettito fiscale per le casse dell’erario fino a 393 milioni di Euro, considerando l’IVA e le accise sulla spesa del diportista, imposte, tasse e contributi relativi ai posti barca e l’IVA sulla vendita di unità da diporto. E’ quanto emerge da uno studio realizzato dall’Osservatorio Nautico Nazionale reso pubblico in occasione del Satec, la convention annuale di Ucina Confindustria Nautica.

I risultati dello studio sono stati illustrati nel corso di una tavola rotonda cui hanno partecipato il ministro delle Infrastrutture e dei trasporti Maurizio Lupi, la Senatrice Camilla Fabbri della X Commissione al Senato Industria, Commercio e Turismo e il Senatore Raffaele Ranucci, membro dell’VIII Commissione ai Lavori Pubblici ”Non c’è più tempo per l’attesa e l’immobilismo – ha dichiarato Massimo Perotti, neo Presidente di UCINA – servono misure concrete e tempestive che ridiano fiducia ai nostri imprenditori e al mercato”.

Print Friendly, PDF & Email

2 Comments

    • capiraiche gli frega della politica dello stato che li ospita, battono bandiera NON italiana !
      se il mare è buono e i posti pure van dove pagan meno.
      (e il pieno di gasolio agevolato in croazia magari)

Lascia un commento

Your email address will not be published.

Articolo precedente

La buonuscita di Finmeccanica non è da 80 euro

Articolo successivo

Salvini: ultimo sondaggio dice che Lega è il quarto partito