MAT: Diventiamo tutti clandestini, stracciamo i documenti

RICEVIAMO E PUBBLICHIAMO

Prendiamo atto dello stanziamento per il 2013 da parte del Ministero della Salute di 30 milioni di Euro per l’assistenza sanitaria agli extracomunitari privi di permesso di soggiorno, ovvero clandestini.

Ciò accade mentre sappiamo già con certezza che i tagli alla sanità pubblica nello stesso 2013 ammonteranno ad almeno 1,6 miliardi di Euro, tagli i cui effetti già si fanno pesantemente sentire con la cancellazione di vari presidi ospedalieri, come ad esempio la annunciata chiusura dell’ospedale di San Marcello Pistoiese.

Il MAT – Movimento Autonomista Toscano invita dunque tutti i cittadini a stracciare quanto prima i documenti di identità, per poter accedere così alla vasta gamma di servizi concessi a chi soggiorna sul nostro territorio nella clandestinità, come fanno annualmente migliaia di extracomunitari.

Movimento Autonomista Toscano

Print Friendly, PDF & Email

5 Comments

  1. È un mio convincimento, ci penso da tempo, ma per me i nostri governanti ci hanno venduto.
    Dopo essersi mangiati i soldi dello Stato e aver creato uno dei debiti pubblici più grandi al Mondo e dopo aver, ancora, con l’aiuto del sindacato, vuotate le casse dell’INPS, ora scommettono sulla “multiculturalità” garanzia, come in America, di continue e costanti tensioni sociali.
    Questo distoglierà la gente dal criticare l’operato di questi grassatori che così continueranno a rubare, come loro consuetudine e in maniera ancora più libera.
    Per il popolo italiano deve ancora essere istituita la “Giornata del ricordo”.
    Il nostro sterminio è ancora in corso!!

  2. Esatto!
    Stracciamo i documenti (che gioia), prendiamo un canotto e ci avviciniamo alla costa più vicina…a casa nostra. la vita potrebbe cambiare da schiavi a nababbi,magari ci regalando anche il “burca” che con sti freddi…

Rispondi a Barbara Annulla risposta

Your email address will not be published.

Articolo precedente

Cuba, svolta storica: si potrà viaggiare all'estero liberamente

Articolo successivo

Anche la Uil s'è accorta: dall'ISI all'IMU un ventennio di stangate