Maroni sottoscrive manifesto di Tremonti e ammicca con Giannino

di REDAZIONE

Dopo aver negato qualsiasi accordo con Raffaele Lombardo, il segretario federale della Lega Nord, Roberto Maroni, sottoscrive il manifesto politico di Giulio Tremonti e trova nell’ex ministro dell’economia un alleato per le prossime elezioni regionali e per le politiche.

L’annuncio e’ stato dato oggi in una affollata conferenza stampa a Milano dove i due ex ministri hanno spiegato di condividere, anzitutto “la notevole sfiducia nel Governo Monti”.   Maroni e Tremonti sono uniti anche “dalla stessa visione che dell’Europa”, come ha spiegato lo stesso Maroni. Un’Europa che punti al riconoscimento delle macroregioni ma che invece, come ha spiegato Tremonti “si sta segmentando dal punto di vista finanziario, dove ogni Stato diventa sempre più protezionista, si chiude nei suoi recinti e cerca di trasferire il conto agli altri”.

L’asse Tremonti-Maroni nasce soprattutto in vista delle prossime elezioni regionali che in Lombardia, come ha anticipato Maroni “si dovrebbero tenere il 10 febbraio” e che vedono l’ex ministro dell’interno presentarsi con una sua lista civica. “La lista ‘Maroni presidente’ -spiega il leader del Carroccio- sarà resa pubblica lunedì o martedì prossimi perché tra il 15 e il 16 dicembre dobbiamo raccogliere le firme”. Una lista, ha aggiunto Maroni “che sarà composta da persone che non hanno una appartenenza politica, non sono iscritti ai partiti né alla Lega. Per questi ultimi -ha spiegato- c’è la Lega”.

Quanto alle elezioni politiche, archiviata la possibilità di dar vita alle primarie di coalizione “perche’ ormai non ci sono più i tempi”, Maroni ha spiegato di essere aperti, oltre che alla lista Tremonti, a tutte le altre liste civiche come quella ad esempio di Oscar Giannino “che mi piacerebbe ci sostenesse anche in Lombardia”.   Tramontata ormai l’ipotesi di un’alleanza Pdl-Lega, Maroni ha spiegato che il partito guidato da Angelino Alfano ” è in crisi di identità. Assomiglia a quella figura pirandelliana di uno, nessuno e centomila. Tra una settimana chiudiamo le liste in Lombardia poi -ha concluso- chi c’è c’è chi non c’è non c’è, peggio per lui”.

Print Friendly, PDF & Email

13 Comments

  1. Tremonti persona capace? parliamo dello stesso uomo della finanza allegra? quello che ha regalato all’italia uno spread a 600 sul bund e ripeteva la tiritera dei mostri dei videogiochi?
    uno pseudo-economista come Tremonti (che in realtà è un avvocato prestato al ministero economico) non saprebbe neanche dirvi chi fosse Solow… ma che dico, a malapena saprebbe dire quanto costano 3 noccioline se ognuna viene 5 cent.
    la finanza speculativa (quella made in NYC e non solo) se li mangia gli allocchi come x3-monti e le prove le abbiamo già avute sulla nostra pelle. possibile che non ci sia niente di meglio in giro per la penisola? se non dalla Bocconi, trovateli da qualche altra università.

  2. chi c’è c’è chi non c’è non c’è, peggio per lui”? Io sto dalla parte di “peggio per lui”, e adesso cosa succede? Sono curioso di vedere cosa fanno di buono gli altri che se non raggiungono il 51% sono solo partiti ricattatori delle eventuali maggioranze.

  3. certamente il segretario federale della lega nord decide con i suoi segretari nazionali senza ascoltare la base, i militanti. Questo è un problema non piccolo, invece di aprire le porte e finetre di via bellerio le ha chiuse completamente ai vari movimenti leghisti indipendentisti della Lombardia. Non discuto l’approccio e l’accordo con il Tremonti ma mi sembra già una sconfitta perchè l’ex ministro delle finanze italiane , certamnet è una persona dotta e capace, però bisogna vedere se questo avrà un seguito di votanti per cui non vorrei che dopo la lega nord si presenti a ncora a roma con questo signore.
    Hanno ragione molti indipendentisti lombardi che prima biogna conquistare la lombardia e poi epoi…. !

    Rinaldo Cometti

  4. Vedo benissimo una seria coalizione composta da Maroni, Giannino, Tremonti e Magdi Allam .
    Altro che le facili (e stupide) ironie dei soliti criticoni.
    Continuate a non capire la Lega e vi troverete, dopo Falli-Monti, con la temibile coppia di fatto Bersani-Vendola.
    Auguri !

    • Fabrizio, sono con lei.
      Qui ognuno ha la sua piccola parrocchietta e spera che, chissà quando, diventi il Duomo di Milano.
      Bisogna prendere le occasioni che si presentano che per la verità non sono molte e non fare gli schizzinosi ad oltranza altrimenti non si andrà da nessuna parte.

  5. Tremonti, Maroni,Giannino non hanno la mia fiducia.
    Pur essendo ,almeno due di loro, dotati di una vasta cultura anche economica, il loro cervello elabora non tenendo conto delle teorie economico-politiche di scuola austriaca.
    Solo Giannino, ma solo di striscio e addomesticandole alquanto, le cita ogni tanto.

    Tre arnesi inutili, inconsistenti, quasi privi di vitalità e certamente di novità.
    Inaccettabili.

  6. Bene, io che idealmente sono libertario di Facco, pur di agire sono iscritto al FID,, voterò sicuro Maroni. E secondo me del FID ce ne saranno molti a supportare Maroni,.Maroni si faccia sentire chiami il FID. Risponderanno.

    • tempo scaduto

      Ragionamento plausibile e praticabile 15 anni fa.
      Non si torna più indietro, lotta per l’INDIPENDENZA, le elezioni se le faccia pure l’invasore da solo, chi vi parteciperà attivamente o passivamente sarà degno di un solo nome: COLLABORAZIONISTA.

  7. il dokumento di 3monti ke il Maroni ha sottoskritto è impostato su una ricetta ekonomika (anke apprezzabiole… volendo) ke non guarda Padania ma si preokkupa x l’italia… infatti si legge:
    … la rischiosa prospettiva, afferma l’ex ministro, è quella sintetizzata nelle parole dell’Inno di Mameli: “‘Noi siamo da secoli calpesti, derisi, perché non siam popolo, perché siam divisi’. Ora come allora, oggi come centocinquanta anni fa nell’inno d’Italia, sono in gioco la nostra sovranità nazionale e, con questa, la nostra personale dignità, la nostra libertà, la nostra proprietà”….”

    sono akkordi tra italianisti ke mirano sempre alle poltrone romane … la lotta di liberazione di Padania la si deve fare sul Territorio e Basta …

  8. Mag-nifico. Assolutamente mag-nifico! Heil! Questa è strada giustissima per avere 3,5%, in Lombardia molto ma molt benissimo ! Ce la facciamo ottimo, gut

Lascia un commento

Your email address will not be published.

Articolo precedente

Elezioni, ecco le nuove leve che scendono in campo

Articolo successivo

Mi son fatto l'Ape-camper, così non pago l'Imu, tié!