Maroni: non ricandido i consiglieri che hanno “tradito” la Lega

di REDAZIONE

Alla cena con Silvio Berlusconi «abbiamo indicato Alfano come uno dei possibili candidati su cui la Lega potrebbe starci». Lo ha detto il leader della Lega Roberto Maroni, nel corso della presentazione del libro di Bruno Vespa a Milano, confermando che invece «è impossibile uno sostegno alla premiership di Mario Monti. Non ho capito se Berlusconi candida se stesso, Monti o Alfano. Uno, nessuno, centomila. Speriamo che il Natale porti qualche illuminazione. Comunque per noi un limite invalicabile è la candidatura a premier di Monti».
Maroni è poi intervenuto  sull’inchiesta relativa ai rimborsi dei consiglieri regionali della Lombardia e le sue parole non lasciano dubbi: al di là dei risvolti penali, ha detto, «ho già avviato una verifica e tutti quei consiglieri che hanno violato il nostro codice di comportamento non saranno ricandidati, fossero anche tutti».

Infine la questione Senatur. Su chi verrà candidato o ricandidato alle lezioni «voglio tenere conto delle valutazione dei militanti». Maroni ha risposto a Bruno Vespa che gli ha chiesto se sarà ricandidato Bossi. «Decideremo – ha aggiunto – i criteri nei prossimi giorni, tenendo conto della necessità di rinnovare e dare spazio a tanti giovani. Neanche il segretario (cioè Maroni stesso, ndr) ha la certezza di essere candidato». Una riunione per politiche e regionali si terrà il 7 o 8 gennaio.
“La mia candidatura per la presidenza della Regione Lombardia ce e rimane per il progetto dlleuroregione”. Lo sostiene Roberto Maroni, segretario federale della Lega Nord, intervendo durante la presentazione del libro di Bruno Vespa oggi a Milano. “Noi sappiamo distinguere – prosegue, riferendosi alle incertezze sulle alleanze – tra livello locale e nazionale. Sono due questioni diverse, non in contraddizione nellottica federalista”. Secondo Maroni, due livelli distinti di alleanze esistono gia: “Siamo al governo con il Pdl in tanti enti locali e sul fronte opposto a Roma. E una flessibilita che non e incoerenza, ma valorizzazione del territorio”.

Print Friendly, PDF & Email
Articolo precedente

Gelati, lecca-lecca e iPad, tutti a spese dei cittadini lombardi

Articolo successivo

FERRARI: "MAI VISTO LANCE ARMSTRONG DOPARSI"