Malaspina, Grande Nord: lo smart working fa calare gli affari di bar e ristoranti

di Massimiliano Malaspina – Lo Smart working tanto di moda in questo periodo fortemente condizionato da Coronavirus sta creando dei grossissimi danni ad uno dei settori trainanti dell’economia italiana , la ristorazione.

Il Governo pentastellato supportato dal PD è sempre più convinto che questo sia il futuro , lo dichiarano spessissimo nelle loro conferenze di programmazione, annunciando e almeno a parole stanziando fondi per lo sviluppo di questa forma di lavoro .
Oggi possiamo constatare che mondi economici come banche, assicurazioni e quasi tutte le attività che si fondano nel lavoro in ufficio , continuano ad avere in maniera maggioritaria dipendenti che lavorano da casa.
Chiaramente facendo un minimo di ragionamento basico sulle prime necessità di un essere umano, ci si rende conto che queste persone che prima andavano in pausa pranzo nelle attività di ristorazione site in zona lavoro, oggi pranzano a casa.
Ne consegue che come è facile constatare oggi nei ristoranti ,bar con pranzo veloce o anche le colazioni al mattino sono nettamente calate le presenze e consumazioni, si parla del 60/70 %.
A chi crede che questo non sia un problema, vorrei ricordare che con gli incassi attuali un locale non può sopravvivere molto a lungo e che ad ottobre finite le casse integrazioni e lo stop ai licenziamenti se tutto resta così avremo un ecatombe di attività food che chiuderanno, e se non chiuderanno avremo comunque moltissimi licenziamenti dei dipendenti non più utili.
Rendiamoci inoltre conto che attorno a questo c’è un mondo di fornitori e produttori che di conseguenza faranno la stessa cosa all’interno delle loro aziende.
Il quadro non è assolutamente idilliaco, il governo se continuerà con questa politica di incentivazione  dello smart working  , sarà pienamente responsabile di ciò di irreparabile  che accadrà.
Il giovamento di pochi non può essere l’ulteriore disgrazia per molti.
Malaspina Massimiliano, Rinascere-Grande Nord
Print Friendly, PDF & Email

1 Comment

  1. Io sto lavorando benissimo in smart working e continuerò a farlo e volerlo fare.
    Per fortuna non abito a milano, città provincialotta tutta aperitivo e apparenza.

Lascia un commento

Your email address will not be published.

Articolo precedente

Crisi Corneliani. Grande Nord: con i dipendenti, per difendere lavoro e territorio

Articolo successivo

Lo straniero non fa più paura. Bernardelli, i cittadini cercano il lavoro