Mai più senza. Virginia Raggi si ricandida a sindaco di Roma

Virginia Raggi lancia ufficialmente la sua ricandidatura per il Campidoglio. Non lo fa via social a favore del suo milione di follower come da tradizione pentastellata ma nel chiuso di una riunione in Campidoglio della maggioranza M5s prima della pausa estiva. Un segno dell’evoluzione del percorso dei 5 Stelle a Palazzo Senatorio in questi 4 anni. Dai meetup alle istituzioni. Da mesi la sindaca lavora per costruire il percorso della sua ricandidatura, ha cercato la sponda dei leader del Movimento – per le regole pentastellate non potrebbe correre avendo gia’ fatto 2 mandati, il primo da consigliera – ed ora cerca di anticipare gli sfidanti sul tempo. Il leitmotiv del Campidoglio e’ quello di tentare un bis per continuare i progetti iniziati in questa consiliatura.

Ma la partita si annuncia strettamente legata alle dinamiche della maggioranza di governo, che potrebbe trovarsi divisa alle urne in Campidoglio, favorendo cosi’ il centrodestra. Il punto, per ora, e’ che di sfidanti non ce ne sono. Negli ultimi dodici anni chiunque sia stato alla guida del Campidoglio ne e’ uscito con le ossa rotte, da Gianni Alemanno a Ignazio Marino, ed anche l’esperienza dei 5 Stelle e’ stata simile ad un percorso sulle montagne russe, mai un momento di stabilita’, tra le incertezze sulle nomine, il processo per falso a carico della sindaca (assolta perche’ il fatto non costituisce reato) e le indagini per corruzione sul progetto dello stadio della Roma. Vicende che hanno incrinato il mito fondativo dell’onesta’ a 5 Stelle.

Print Friendly, PDF & Email

Lascia un commento

Your email address will not be published.

Articolo precedente

Inaugurata la sezione di Novara di Grande Nord

Articolo successivo

Bonus Covid, in corso accertamenti su due deputati Lega