Magistratura, guarda che numeri…

I dati sono un ottimo modo per analizzare fenomeni, raccontare storie e valutare pratiche politiche. Ecco i numeri raccolti da Openpolis sul Consiglio superiore della magistratura.

27 i membri del Consiglio superiore della magistratura.
3 lo sono di diritto: il capo dello stato (che presiede l’organo), il primo presidente e il procuratore generale presso la corte di cassazione. 16 sono i “membri togati”, eletti dai magistrati. Altri 8 sono i “membri laici” votati dal parlamento in seduta comune tra professori e avvocati con almeno 15 anni di esercizio. È tra questi che, in base alla costituzione, viene scelto il vicepresidente, un incarico fondamentale negli equilibri dell’organo. Consulta la composizione attuale.

11 su 19 i vicepresidenti del Csm che erano politici nazionali al momento dell’elezione.

In base alla costituzione deve essere un membro “laico”; storicamente il ruolo è stato ricoperto soprattutto da chi era già stato parlamentare o membro del governo. La provenienza politica è un aspetto particolarmente sensibile per il vicepresidente del Csm. Dato che il ruolo di presidente spetta al capo dello stato, con funzioni prevalentemente di garanzia, nella gestione quotidiana dell’organo il ruolo del vicepresidente è decisivo. Come vengono eletti i membri del Csm.

71% dei politici nazionali eletti nello scorso Csm erano al governo o in parlamento meno di 3 mesi prima.

La scorsa consiliatura (2014-18) è stata sia quella con la maggiore incidenza di ex membri di parlamento e governo, sia una di quelle con i passaggi più veloci tra politica e Csm. Scopri dopo quanto tempo i politici nazionali entrano nel Csm.

28 i membri, togati e laici, che solo dopo il mandato al Csm hanno avuto esperienze parlamentari/governative.

Per i membri laici, chi viene indicato da una forza politica per un ruolo così importante entra in un bacino naturale cui attingere per la formazione delle liste nelle politiche, oppure per la selezione di ministri o sottosegretari. Ma non mancano anche diversi casi di membri togati successivamente entrati in politica. Vedi i passaggi di incarico prima e dopo il Csm.

22% dei membri del Csm è donna.

Una percentuale molto inferiore rispetto al 54% delle donne in magistratura. Tra giudici e pm le donne sono più degli uomini, ma non negli incarichi direttivi e di rilievo. Nell’organo di autogoverno dei magistrati, in particolare, la rappresentanza femminile è gravemente limitata.

Vi può bastare? Il report integrale su: https://www.openpolis.it/come-affrontare-la-riforma-del-csm-dati-alla-mano/

Print Friendly, PDF & Email
Articolo precedente

Nembro e Alzano. A caccia della verità. Dai pm di Bergamo Conte, Speranza e Lamorgese

Articolo successivo

E Zaia parla ancora prima di Matteo. Questo governo non vuole farci votare