/

Caro Comero, il teocon e neoitaliano Magdi Allam non mi rappresenta

voto libiadi GIUSEPPE REGUZZONI

Il mio articolo su Magdi Allam non è piaciuto a molti. Non è piaciuto ai ciellini, per la frecciatina sull’allegra sanità lombarda e per i riferimenti alle commistioni tra Chiesa e potere. Non è piaciuto a chi vorrebbe indire una nuova crociata e mi ha accusato di intimismo (chissà, poi, chi dovrebbe combatterla, questa crociata … ?). Non è piaciuto nemmeno al mio amico Comero, per cui Magdi Allam è uno specialista di islamsmo, da cui dobbiamo imparare a ragionare. Ora, premesso che credo di essere uno dei pochi a cui, di tanto in tanto, piace non piacere ed essere fuori dal coro, nel mio pezzo non ho minimamente messo in questione l’inutilità della presa di posizione dell’Odg, organo fuori dal tempo, che si sveglia solo per la difesa della Politically Correctness, ma un certo tipo di teoconservatorismo, per di più nazionalista, che Magdi Allam incarna.

E, infatti, tutto lo schieramento teo- e neocon italico ha tirato fuori le armi in sua difesa. Lui ama l’Italia, e si chiede se gli italiani la amano. Beh, non ho difficoltà a rispondere che io QUESTA Italia non la amo affatto e, dalle pagine dell’Indipendenza, non è nemmeno difficile capire perché. L’autonomismo e il federalismo, tra le tante, hanno anche questa ragione: ridurre, non dilatare, gli spazi del Potere … Ma, c’è di più. Magdi Allam non è un povero perseguitato; non solo nel senso che, a quanto si legge, non è tipo da scrivere e intervenire gratuitamente, ma, in primis, proprio perché è espressione di una lobby di potere che sta facendo danni irreparabili a livello mondiale. Il teoconservatorismo non solo riduce la religione a instrumentum regni, ma, con le sue pretese di esclusività messianica, è propugnatore, non certo pacifico, di un ordine globale nuovo che gronda tutto meno che pace. Chi l’ha detto che la democrazia occidentale e liberale sia l’unico sistema politico valido per tutti e che a tutti debba essere imposto, magari a suon di bombe?

Le primavere arabe, gli eccidi di Gaza, la supponenza e la faziosità con cui l’Occidente affronta la questione ucraina, sono lì dimostrare i disastri di cui è capace questa visione messianica della storia. Quanto alle competenze di Magdi Allam, esse non sono certo in questione, ma l’umiltà e il buon senso suggerirebbero di ascoltare, prima ancora di chi se ne sta al calduccio in Occidente, ben retribuito, quei Cristiani che, in Medio Oriente, vivono giorno per giorno, da secoli, un rapporto, non certo indolore, con l’Islam e che, di certo, non ne sanno meno di un giornalista neo-italiano. Se si dà un’occhiata a un sito specializzato e schierato in difesa delle minoranze cristiane, come Asia News, si scoprirà, per esempio, che il Patriarca dei Caldei – figura non certo di scarsa competenza in materia – la pensa molto diversamente da Magdi Allam. Alla fine, però, le due domande che restano aperte sono molto semplici: perché agire sempre e solo sotto i riflettori dell’opinione pubblica, sia col battesimo che con lo sbattezzo? Perché limitarsi a dire contro che cosa si è, senza mai chiarire per che cosa si è?

Print Friendly, PDF & Email

7 Comments

  1. Le chiachiere sono il TSUNAMI DEL Dì.

    Tutti, parlo per me, a chiacchierare e o a turno o in parallelo (le parallele convergenti non c’entrano) a dire cosa e’ sbagliato e cosa e’ giusto. Ma FARE… campa cavallo…

    Siamo tutti TEORICI. Tutti CT, tipo BALON e non BALUN.

    Ah gia’: balun = a bilanciato e sbilanciato. Circa ne’.

    Come appunto l’itaglia sdado. (Comincio a ballare la lingua prossima adottata dallo stato, nuovo, si fa per dire, di nome ISLAFRITALIA).

    Osservando a 360° o in omni direzione si dovrebbe capire che da queste parti non tira una BUONA ARIA.
    Niente BUENOS AIRES. Mi dispiace per il Francesco venuto dalla fine del mondo.
    E ma lui, da come teorizza, e’ sempre lì in Argentina. Anche questa parola la dice lunga… che derivi da ARGENTO..?

    Fortuna per i nativi, perche’ se era riferita all’oro per loro erano guai seri. Successe al nord america e non solo comunque.
    Tuttavia, si vede o no che lo sfacelo in tutti i sensi e o a 360° e’ in atto (da molto a dire il vero) oppure no..?

    1) governo non eletto e qua le corti varie avrebbero il dovere (obbligati. Atto dovuto) di mandarlo a casa. Ma si sa, la costituzione non e’ da sempre mai stata rispettata. Solo nei diritti acquisiti…

    2) leggi fuori tempo e luogo… da DEMOLIRE TOUT COURT. Ma sono a loro favore e quindi vale il diritto romano: si applicano contro il nemico e si ignorano se vanno contro se stessi o l’amico.

    3) SUBORDINATI DI STATO CHE SI RIBELLANO (facendo gli insubordinati ma lo presentano come sciopero e quindi non perseguibili) E VANNO CONTRO LE AUTORITA’ DI STATO: il loro padrone. Va ben, non e’ stato eletto ma sempre autorita’ e’. A meno che non si ribellino per portarci da un’altra parte. Per esempio a VOTARE dato che l’ARIA (kax sempre di aria si tratta) non e’ tanto buona per via di andare a votare il governo.

    4) credibilita’ = a zero.

    5) andazzo da fine del mondo con una INVASIONE SENZA FRENO..! I governanti collaborano col NEMICO: GLI INVASORI. Nessuno se ne accorge e nemmeno un ATTO DOVUTO E’ In CORSO. SONO TUTTI CORREI..??
    CI TRADISCONO IN MASSA..?? PARLO DEGLI ADEPTI ALLE ISTITUZIONI E LE ISTITUZIONI STESSE..!!!

    6) e ecc…. troppo lunga sarebbe la lista delle MAGAGNE CHE CI AFFLIGGE tipo la PESTE NERA di un tempo ormai, si pensava, finito o passato.

    E da bravo RIPETENTE (per ignoranza o per veggenza?) mi tocca scriverlo:

    SOCCOMBEREMO. ANZI. NO..!

    STIAMO GIA’ SOCCOMBENDO..!

    AMEN

    PS:
    pero’ mi posso sbagliare ne’..?

  2. Signor Reguzzoni, credo che lei abbia un po’ le idee confuse, anch’io non amo affatto questa Italia, ma me ne guardo di confondere la libertà di parola e di scritto, con chi vorrebbe riportarci nel profondo basso evo. Ecco io difenderò senza se e senza ma questa libertà che, ad oggi è patrimonio della civiltà occidentale, lei probabilmente, difenderà i caldei e il suo patriarca che sono in sintonia con l’islam e, quindi, con il corano. Non le viene in mente che questo atteggiamento potrebbe essere condizionato da una realtà qual è quella mediorientale?

  3. Buon articolo, che denota conoscenza della materia. Difficile, anzi impossibile oggi trovare qualcuno che ha il coraggio di andare contro corrente e tirarsi fuori dal gregge di pecoroni e lecchini di regime.

  4. Ma qui si confondono i fischi con i fiaschi! Il problema è solo quello della libertà di stampa. Perché tirare in ballo altre considerazioni più o meno legittime?

    • i fischi, i fiaschi e la libertà di stampa non c’entrano. L’articolo di Reguzzoni porta dei fatti, non delle chiacchiere alle quali gli altri si abbandonano perché ognuno ha il diritto di dire ciò che gli passa per la mente.

Lascia un commento

Your email address will not be published.

Articolo precedente

Dalla lesa maestà al leso sindaco. Vigili 007 per scovare il dissenso a Desenzano

Articolo successivo

Caro Reguzzoni, io sto con Magdi Allam e non con i tagliatori di gole