Madame Kyenge, gli invasori e la Calabria come modello per l’Italia

di TONTOLO

L’altro giorno madama Kyenge ha fatto un giro in Calabria, ha visitato il paese d’origine del marito (Tarsia, CS) che gli ha consentito di italianizzarsi, e ha dimostrato di essersi perfettamente italianizzata dichiarando senza farsi scappare da ridere che tutti dovrebbero prendere la Calabria come esempio di integrazione. Queste belle cose le ha dette a Riace, dove le facce di bronzo hanno una posizione di riguardo. A Isola Capo Rizzuto, che evidentemente nella speciale geografia del ministro non è in Calabria, è stata aggredita da una bella comitiva di aspiranti “nuovi italiani”. Nella gioiosa e accogliente Riace è stata invece salutata con deferenza dalle autorità  ed è stata estasiata da un coretto di bambini stile  “United Colors” che ha intonato “Fratelli d’Italia” (con grande commozione del duo Tosi-Meloni) e “Bella ciao”, si immagina anche come riferimento strettamente personale. (Si veda il video sotto al minuto 2,57).

La prima strofa della patriottica canzoncina – intonata per la prima volta nel 1948 al Festival della Gioventù comunista di Berlino suona così:

«Una mattina mi son svegliato, o bella, ciao! bella, ciao! bella, ciao, ciao, ciao!
Una mattina mi son svegliato e ho trovato l’invasor
».

Cosa che succede ogni giorno ai cittadini italiani a proposito dei beniamini della Kyenge e che perciò dà alla canzone l’amaro gusto della presa per il culo.

Ci permettiamo di consigliare a madama un paio di altre canzonette patriottiche da farsi cantare dai quasi “nuovi italiani”.

Tutte le strofe della “Canzone del Piave” (Ermete Giovanni Gaeta,  alias E.A. Mario,1918) terminano con un riferimento allo “straniero”, il più significativo dei quali è : «Il Piave mormorò: Non passa lo straniero!»

Il refrain dell’”Inno di Garibaldi” (Luigi Mercantini e Alessio Olivieri, 1858) canta con vigore

«Va’ fuori d’Italia, va’ fuori ch’è l’ora!
Va’ fuori d’Italia, va’ fuori o stranier!
»

Roba da far diventare simpatico anche Garibaldi. 


Print Friendly, PDF & Email

21 Comments

  1. La domanda è “chi ce l’ha messa a quell’incarico, lei e la Boldrini?”. CHI E PERCHE’! Ogni volta che parla si rende ridicola per i concetti astrusi che porta avanti (“LA Calabria è un esempio” è da schiantarsi dalle risate), Però questa è una persona MOLTO,MOLTO pericolosa..

    • >> CHI E PERCHE’!

      Anche te lo dicessero e non dovesse piacerti la risposta cosa faresti ?

      Il discorso gira sempre lì: cosa succede, cosa facciamo se sti qua fanno qualcosa che non vogliamo ? Oltre a prenderlo in culo s’intende…

      Alla fine vogliamo proprio conoscerla la risposta ? Per farci cosa ? Per commentarla su faccialibro ? Ma per favore…

    • Va sempre tenuto presente che chi favorisce ad ogni occasione l’immigrazione legale e non è il PD in primis, ossia la DC ed il PCI. Hanno un gran bisogno di voti e i milioni di stranieri costituiscono un enorme bacino di voti che aspetta solo di essere sfruttato. Per questo il PD si batte da anni per dare a tutti loro il diritto al voto e lo jus soli. Si danno da fare in ogni modo per mostrarsi loro amici e benefattori (con i nostri soldi) per ottenere il loro voto. Ed in parte ci sono già riusciti (vedi Kienge e non solo). Di questo passo tra alcuni anni dovremo chiedere “scusi, permette ?” a chi è arrivato ieri e già oggi gode dii servizi e privilegi senza aver mosso un dito. La sinistra è responsabile di questa assurda situazione, per i motivi sopra citati. Da anni ormai ci sono continui sbarchi sulle nostre coste; qualcuno ha fatto qualcosa per contrastarle ? Sì, Maroni, poi più nulla. Tutta la classe politica è troppo indaffarata a tentare di capire e prevedere cosa accadrà al cav. Non c’è posto per altri temi nel loro indaffaratissimo tran tran. E la barca piena di pecoroni va….

      • Prima o dopo questi signorini fonderanno il loro partito, dirotteranno lì i loro voti e quel giorno la sinistra smetterà di esistere anche formalmente.

  2. la Calabria ha tutti i primati negativi forse è per quello che piace alla Kyenge e ai nuovi Italiani, peccato che poi vengono a svernare qui da noi.

  3. STA SCRITTO: IL RAZZISMO NON ESISTE. Altrimenti il PADRETERNO DOVREBBE ESSERE MESSO AL ROGO PERCHE’ FU IL PRIMO AD ESSERLO..!

    Infatti ci ha fatti tutti diversi ma proprio uno diverso dall’altro.
    Nemmeno i gemelli sono uguali o kompagni.

    C’e’ solo il fattore aggregativo che conta e che fa le nazioni. In questo il razzismo non c’entra proprio..!

    L’aggregazione, sarebbe ora di dirlo agli illuminati sempioldi e fortemente truffaldini, e’ una naturale tendenza di qualsiasi essere vivente che poggia su diversi principi o motori aggreganti per l’appunto, se libero.

    La FAMIGLIA, IL TERRITORIO, LA CULTURA, LA SIMPATIA, LA CONOSCENZA e tanti altri motorini vari, non certo tipo mosquito, fanno e lavorano in silenzio per fare le NAZIONI mai una KOMPAGNA dell’ ALTRA.

    Che oggi i vari illuminati dal loro buio ci voglio INCASINARE, costi quel che costi, e far passare per buono e naturale tutto l’INVERSO, e’ da FORCONI.

    Dobbiamo, perche’ lo dicono loro, vivere con chi vogliono loro e anche contro voglia.

    Ci trattano come fossimo degli ANIMALI, infatti, ci mescolano rinchiusi in SERRAGLI o PRIGIONI.

    Poi spuntano liti e odi e ti insultano dandoti del razzista; parola che fa tanto komodo a loro perche’ usata verso gli animali, noi appunto, come un tempo si faceva, la FRUSTA, e dell’ignorante (perche’ gli ANIMALI SOGNO IGNORANTI sebbene puro sangue) e ecc. ecc. ecc..

    E ovviamente il tutto e’ fatto per il nostro di bene.

    MUhuuuuuuuuuuuuuuuuu…

    Proprio come dei MINOTAURI SIAMO TRATTATI..!

    E ancora NON REAGIAMO..!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!

    Porca vacka…

  4. Penso che la signora Kyenge sia italiana perché italiano è chi italiano fa.

    Io ho tutt’altra mentalità e non posso essere considerato di nazionalità italiana.

  5. Il marito è cosentino, lei è congolese, vivono a Bologna (e figurarsi…) e ci vogliono insegnare come fare e cosa fare.
    In qualunque altro paese, non colonizzato e schiavizzato come la Padania, li avrebbero cacciati da un pezzo a pedate e rimandati al loro paese.

  6. Speriamo che cada questo governo, così ci togliamo la diversamente bianca dalle scatole.
    A meno che la prossima ammucchiata PD-SEL- 5stelle non la voglia ripescare.
    Ad ogni modo, fra lei e i calabresi non saprei dire chi mi nausea di più.

      • Viste come sono andare le cose a sto punto si può pensare tutto ed il contrario di tutto.
        Di certo anche i grillini stanno facendo la bocca alla cadrega da 40 milioni di lire al mese e lo abbiamo capito fin troppo bene cosa fa da collante da quelle parti.
        Grillo parla tanto ma in parlamento ci ha mandato persone che fino all’altro ieri erano studenti, disoccupati o imprenditori ad un passo dal suicidarsi: non ci sarebbe assolutamente da stupirsi se qualcuno di questi (e c’è già stato) cominciasse a prenderci gusto (un mese di “lavoro” paga meglio di un anno col posto fisso). D’altro canto noi qua fuori continuiamo a mugugnare ma non a reagire e questo oltre ad incoraggiare i ladri di vecchia data potrebbe anche farlo con le nuove leve.

      • M5S Favorevoli all ius soli? Lo sono, eccetto per quel destrorso fascitoide di Grillo in un movimento di deboli menti sinistrorse (per non dire altro)

Lascia un commento

Your email address will not be published.

Articolo precedente

Lega, il rebus delle alleanze e l'insofferenza verso il Pdl

Articolo successivo

Zurigo apre i box del sesso, ma le lucciole storcono il naso