Ma questa Europa che c’azzecca?

itala europadi MARIO DI MAIO – Anche gli europeisti più’ accesi, acerrimi nemici dei politici, degli economisti e dei giornalisti che definiscono “euroscettici” (oppure sovranisti, integralisti, reazionari, fascisti ecc.) riconoscono che l’U.E. per cosi’ dire “in vigore” non serve più’ e quindi va cambiata. Ma come?
Al riguardo c’è gran “bagarre” e neanche il decantato asse franco tedesco  appare coeso e senza crepe. Questo perche’ manca la consapevolezza del traguardo da raggiungere non essendoci condivisione degli ideali, anche se un minimo di condivisione e’ indispensabile pena la totale disgregazione , peraltro forse  già iniziata con la Brexit.
Eppure, al tempo del Sacro Romano Impero , nonostante le lotte di potere di Papi, Antipapi, Imperatori e Principi, la condivisione c’era e si basava sui valori cristiani che accomunavano popoli alleati ed avversari, e non erano messi in discussione dai sovrani ne’ dai sudditi.
Lo sapeva bene Schumann che non a caso aveva espresso la prima Costituzione della Comunità’ Europea in forma di preghiera. Ma, una volta sostituiti i valori religiosi con quelli finanziari, accompagnati da una fantomatica “solidarietà laica” anche se non ci piacciono ci troviamo a votare l’aborto libero l’eutanasia e l’utero in affitto perché qualcuno ne ha “convenienza”.
La ” nuova” Europa va quindi ricostituita sui “vecchi” principi.
Viceversa non ci sara’ sempre vero accordo sulla politica comune, ne’ interna ne’ estera(migranti compresi).

Print Friendly, PDF & Email

Lascia un commento

Your email address will not be published.

Articolo precedente

Trilogia del federalismo perduto. Per ora

Articolo successivo

E' finito anche l'impero romano, finisce anche chi non vuole l'Europa