Ma il solo indipendentista candidato presidente in Veneto è Morosin, politico senza vitalizio

di CASSANDRAmorosingovernatore

Con Zaia.. in appoggio esterno a Zaia…. oppure sindaci candidati per Zaia…. ammesso e concesso che il listone sia davvero pronto e non, come pare, respinto al mittente.

Il fronte indipendentista si è sfarinato. C’è chi ha preferito convogliare verso la Lega, come gli indipendentisti di Noi Indipendenza Veneta, oppure c’è chi come l’avvocato Alessio Morosin, ha tenuto duro. E va diritto per la sua strada, nonostante il silenzio del media, schiacciati sulla competizione dei favoriti.

Andiamo allora a leggere cosa si trova sul sito di Morosin candidato presidente…

Perchè ALESSIO MOROSIN Presidente?

Alessio Morosin è nato e vive a Noale (VE), si è laureato in giurisprudenza all’Università degli Studi di Padova nel 1981. Avvocato e stimato professionista del foro di Venezia, Cassazionista.
E’ stato Consigliere regionale del Veneto nella legislatura 1995 – 2000. E’ l’unico ex Consigliere (su 226) a rinunciare da più di 5 anni al “vitalizio mensile”.
E’ autore del libro: AUTO-DETERMINAZIONE (SELF-DETERMINATION).

“Come riconquistare l’Indipendenza del Veneto, da uno stato baro, in modo pacifico, con la democrazia e il diritto.
Tra i tanti riconoscimenti internazionali, il famoso storico e avvocato Ivone Cacciavillani lo definisce così:
“Dobbiamo della riconoscenza ad Alessio Morosin per la tenacia con cui da anni propugna l’ideale di vedere riconosciuta in campo internazionale la Repubblica Veneta attraverso un plebiscito di autodeterminazione”.

Poi, ancora…. si legge che…

Il movimento Indipendenza Veneta è l’unico che segue la via istituzionale per raggiungere l’indipendenza del Veneto, attraverso un percorso democratico e legale, nel solco della legittimità internazionale.
Indipendenza Veneta è un movimento politico, (né di destra né di sinistra), nato nel 2012 con il solo scopo di indire il referendum per realizzare l’Indipendenza del Veneto.
E’ interamente gestito da volontari che non sono politici di professione ed è finanziato da donazioni e iscrizioni di privati cittadini. Non percepisce nessun aiuto pubblico.
Indipendenza Veneta non vuole andare a Roma (né al governo, né al parlamento) vuole solo che in Veneto si faccia il referendum sull’Indipendenza per realizzare la nuova Repubblica Veneta.
Indipendenza Veneta nel suo breve percorso di soli 3 anni ha ottenuto l’importantissima approvazione finale della legge regionale n. 16 del 2014, con la quale il Popolo Veneto può votare il il referendum per l’Indipendenza Veneta.

 

 

Print Friendly, PDF & Email
Articolo precedente

Milano, il deserto dei barbari. Ma i criminali passano dove la politica ha già devastato

Articolo successivo

I nomi di Noi Indipendenza Veneto col governatore uscente