Ma come fanno a sparire 35 algerini a Fiumicino?

di GIOVANI D’ACQUINOcode aeroporto sicurezza voli Usa

Meglio anche di Houdini. Lui faceva tutto da solo, ma era sempre uno e uno soltanto. Loro, invece, erano in 35 e sono riusciti a sbaragliare sorveglianza e passaggi controllati (si credeva….).

Arrivavano  da Algeri o Istanbul, e in un nanosecondo si sono dileguati dopo l’atterraggio a settembre.

Per fortuna che l’allerta per l’Isis era già stato attivato. Vuol dire che le maglie dei controlli e della vigilanza hanno falle più grandi di quanto si potesse immaginare. E l’altro giorno dopo la denuncia dei poliziotti della Polaria, che ha portato alla ribalta la notizia, gli agenti sono stati in assemblea per alzare bandiera rossa.

Senza uno o più basisti non sarebbero riusciti a scendere dal velivolo, eludere i controlli dei documenti ed evitare addirittura come niente fosse di salire sulle navette dirette all’aeroporto. Se è vero che molti di loro sono riusciti a mimetizzarsi perché vestiti con gli abiti da lavoro del personale di terra, stiamo tranquilli che siamo nelle mani giuste.

 

Print Friendly, PDF & Email

3 Comments

  1. Fa notizia il fatto che spariscano da Fiumicino 35 algerini.
    Nessuno parla invece dei 18 miliardi di euro che verranno incassati da Benetton, Impregilo, e ndrangheta nel raddoppio dell’ aeroporto di Fiumicino.
    Cosa sarà mai bloccare 35 algerini rispetto all’ “sblocca-italia” di Renzi ?

  2. E’ un po’ come la barzelletta di come caricare gli elefanti nella cinquento, un giorno ci rideremo sopra ma se non la piantiamo di stare tranquilli avremo solo da piangere

Lascia un commento

Your email address will not be published.

Articolo precedente

Il cerchio poco magico che si stringe sulla Regione Lombardia. Così veloci solo gli elicotteri

Articolo successivo

Quei sindacati che sono peggio della Casta. Nessuno li manda a casa?