Lupi a Maroni: come fai a stare con il lepenista Salvini?

Salvini, Le Pen together in MilanSono i governatori leghisti che devono risolvere questa contraddizione, noi crediamo fino in fondo che la proposta, nelle Regioni come in Italia, debba essere la costruzione di un soggetto forte che sia liberal-popolare e che può vedere il rassemblement di tutti, compresa Forza Italia”. Lo ha affermato il capogruppo di Ap alla Camera, Maurizio Lupi riguardo al futuro del centrodestra e alle differenze presenti tra le coalizioni che guidano Lombardia, Veneto e Liguria e il modello ‘sovranista’ proposto invece da Legae FdI a livello nazionale, con i leader Matteo Salvini e Giorgia Meloni. “Il ‘sovranismo’ non è la proposta politica in cui ci possiamo riconoscere – ha detto Lupi conversando con i giornalisti al Pirellone, dove ha partecipato a una riunione del gruppo Lombardia Popolare – e non è la proposta politica in cui si può riconoscere 20 anni di storia del centrodestra italiano dei liberali, moderati e popolari”. Secondo l’ex ministro inoltre “le esperienze regionali dicono che non è con il modello sovranista, con l’estremismo populista o con la proposta di un lepenismo che si governa” e pe questo “sono i governatori leghisti che devono risolvere questa contraddizione”. “Maroni stesso dovrà dimostrare se la Lega è quella di sabato” oppure quella della sua esperienza di governo”, ha detto Lupi. Quanto all’appoggio da parte di Area Popolare a una ricandidatura dell’ex leader del Carroccio alla presidenza della Regione, Lupi ha precisato: “mi sembra giusto che chi ha governato per cinque anni si ricandidi come mi sembra giusto che la prima opzione per chi ha governato assieme sia continuare a governare assieme, sarebbe da pazzi” il contrario. “Il punto è che se coincideranno le politiche con le regionali, la contraddizione” nel centrodestra “non tiene”.

Print Friendly, PDF & Email
Articolo precedente

Trikolore ist auf Holocaust-Gedenkfeier fehl am Platz!-Il tricolore è inopportuno nella commemorazione dell'Olocausto!

Articolo successivo

La scissione dal Pd di Renzi? D'Alema: "L'hanno già fatta gli elettori". Chi prenderà i voti in uscita?