L’ULTIMA GRANA – Ucciso in piazza a Voghera, arrestato assessore leghista

Massimo Adriatici, l’assessore alla Sicurezza di Voghera (Pavia), avrebbe sparato colpendo il marocchino di 39 anni vicino al cuore dopo aver ricevuto una spinta e al momento, a quanto si apprende da ambiente investigativi, riporta l’Ansa, non risulterebbe che la vittima gli avrebbe lanciato contro una bottiglia di birra. Bottiglia che l’uomo potrebbe aver lanciato, pero’, nella fasi precedenti quando, come era solito, stava infastidendo delle persone davanti al bar in piazza Meardi. E’ stato confermato che il marocchino non aveva alcuna arma con se’. Adriatici sostiene di aver esploso il colpo “per sbaglio” mentre cadeva dopo la spinta.

Riferisce l’Agi:  “Per lui il Pm ha ipotizzato l’accusa di eccesso colposo di legittima difesa: secondo la sua versione dei fatti il colpo di pistola che ha ucciso l’immigrato sarebbe partito involontariamente mentre stava cadendo. Stando a un testimone oculare, Youns Boussetai, la vittima, durante una lite avrebbe lanciato una bottiglia di birra che stava bevendo addosso ad Adriatici, prima che l’Assessore telefonasse alle forze dell’ordine per avvertire che l’uomo stava importunando dei clienti del bar ‘Ligure’. A riferire de relato questa testimonianza e’ Adrian R., un abitante di Voghera di origine albanese arrivato quando Boussetai era morto da pochi minuti. “Sono andato in piazza a vedere cosa fosse successo perche’ mio figlio aveva sentito dei colpi di pistola – e’ il suo racconto – dopo qualche minuto e’ arrivata l’ambulanza. Ho visto una persona in borghese, che penso fosse Adriatici, io non lo conosco, che parlava coi carabinieri che mi sono sembrati tranquilli. Poi un uomo che era li’ mi ha raccontato che la vittima aveva chiesto ad Adriatici: ‘Perche’ non mi saluti?’ E gli aveva lanciato addosso la bottiglia. A quel punto, l’Assessore gli ha detto che avrebbe chiamato la polizia. Poi c’e’ stata una colluttazione tra loro e l’Assessore ha sparato”.

Print Friendly, PDF & Email
Articolo precedente

Confindustria propone Green Pass obbligatorio nei luoghi di lavoro. Landini: Non decide Bonomi chi lavora e chi no

Articolo successivo

Ridateci la scuola. Basta con la didattica a distanza. La preghiera di tutti i presidi